David Bowie è morto: ecco come lo ricordano le celebrità italiane

David Bowie è morto: ecco come lo ricordano le celebrità italiane

Anche il mondo dello spettacolo italiano piange David Bowie: ecco come le celebrità nostrane hanno deciso di salutare l'iconico cantautore britannico, scomparso all'età di 69 anni per un male incurabile.

Cesare Cremonini:



Renato Zero ("Il fatto quotidiano"):
"Perché per me non è morto ed è inutile che aggiunga la mia voce al coro o discuta al passato di una rivoluzione che puoi ancora avvertire nell'aria e che sentiranno anche quelli che verranno domani. Non ci siamo mai incontrati né stretti la mano. Per me Bowie è vivo e quindi ne parlo come se fosse qui. Ho vissuto in anni di rivoluzione planetaria. Con altri ho avuto l'occasione di farmi carico dei mutamenti. È stata un' immensa fortuna".


Nomadi:



Daniele Silvestri:



Red Ronnie:



Dolcenera:



Subsonica:



Emma Marrone:



Piero Pelù:



Caparezza:



Giuliano Sangiorgi:



Vasco Rossi:



Francesco Baccini ha pubblicato su Facebook un post in cui ha raccontato che avrebbe avuto modo di scambiare qualche parola con David Bowie nel 2002, a Manhattan, al termine di un mini-concerto che il Duca Bianco avrebbe tenuto in un pub; Bowie avrebbe avvicinato Baccini dicendogli di averlo riconosciuto per averlo visto in tv:



Gli utenti dei social hanno tuttavia deriso Baccini, non credendo al suo racconto - il cantautore ha poi cancellato il post che aveva pubblicato su Facebook: 








Stefano Benni:



Donatella Rettore:



Gianluca Grignani:



Francesco Facchinetti:



Renzo Rubino:



Giusy Ferreri:



Giorgia:



Marco Carta:



Mario Biondi:



Roberto Saviano:



Ligabue:



Bluvertigo:



Enrico Ruggeri:

Elisa:



Gianni Morandi:



Jovanotti:




Alessandra Amoroso:



Francesco Bianconi (Baustelle):




Emis Killa




Andrea Mirò:


Luca Carboni:




Lorenzo Fragola




Paola Turci




Negramaro



Morgan:




Marco Mengoni:






Tiromancino:




Francesco Sarcina:




Carlo Verdone:




Rudy Zerbi:




Gianna Nannini:




The Kolors:



Fiorello:




Dear Jack:




Alessio Bernabei:




Michele Bravi:




Luca Tommassini:




Nathalie:




Simona Ventura:




Perturbazione:


 

Leo Mansueto:

“La sua morte non è stata diversa dalla sua esistenza: un'opera d'arte”. Leggo e rileggo la dichiarazione di Tony Visconti e trovo che non ci siano sintesi migliore per descrivere la parabola di David Bowie e parole più appropriate per ringraziarlo all'indomani di “Blackstar”, il suo regalo d'addio, la sua teatrale uscita di scena. Ero ancora un adolescente quando, alla fine degli anni '70, i suoi dischi e i suoi infiniti immaginari fecero irruzione nella mia vita. Da allora, come una presenza costante e latente, come un'imprescindibile pietra di paragone, il suo linguaggio, quel suo modo unico di usare la voce e l'immagine, e quella sua capacità di esprimere sempre l'idea di un mondo altro, hanno accompagnato e scandito i momenti più diversi della mia vita. Compresi quelli più recenti, così affollati di nebulose effimere e così avari di stelle autentiche.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.