Donald Fagen (Steely Dan) arrestato, e rilasciato, per "violenza domestica"

Donald Fagen (Steely Dan) arrestato, e rilasciato, per "violenza domestica"

Il leader degli Steely Dan è stato arrestato lunedì sera, 4 dicembre, nella sua casa di New York, in conseguenza di un litigio conla moglie, la musicista Libby Titus.
Un portavoce della Titus ha dichiarato:


"Stavano discutendo, e a un certo punto lui l'ha spinta. Lei è caduta e adesso ha un livido sul braccio".


Donald Fagen è stato rilasciato dopo una notte in guardina, e gli è stato proibito di avvicinarsi alla moglie.
Secondo indiscrezioni, la Titus avrebbe urtato contro la cornice in marmo di una finestra.

Fagen e la Titus si sono sposati nel 1993. Anche lei ha una soddisfacente carriera musicale: ha collaborato fra gli altri con Paul Simon, Phil Ramone, Robbie Robertson, Burt Bacharach e Carly Simon. Gli Steely Dan sono discograficamente fermi al 2003 ("Everything must go") ma continuano regolarmente a tenere concerti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.