Addio a Robert Stigwood, l'ultimo dei grandi manager della musica

Addio a Robert Stigwood, l'ultimo dei grandi manager della musica

Robert Stigwood, figura centrale della scena musicale anglosassone fin dagli anni Sessanta, è morto all'età di 81 anni. Lo ha annunciato Spencer Gibb, figlio di Robin Gibb dei Bee Gees, di cui Stigwood era il padrino:


Desidero condividere con voi la triste notizia che il mio padrino, e a lungo manager della mia famiglia, è scomparso.

Nato a Adelaide, in Sudafrica, il 16 aprile del 1934, si era trasferito in Inghilterra nel 1955. Qui cominciò a lavorare come sorvegliante in un collegio, poi come tuttofare in un teatro a Portsmouth. Dall'incontro con Stephen Komlosy nacque la piccola agenzia teatrale Robert Stigwood Associates; l'inatteso successo di un giovane artista rappresentato dall'agenzia, John Leyton, con "Johnny remember me", fece di Stigwood e dell'allora suo socio Joe Meek i primi produttori discografici indipendenti in Inghilterra.
Nel 1961 Stigwood stipulò un contratto come produttore discografico con la EMI di Sir Joseph Lockwood: in esso gli veniva riconosciuto il ruolo di manager, produttore, editore musicale, agente di booking e promoter per i suoi artisti pubblicati dalla EMI.
Dopo una seria crisi di liquidità a metà degli anni Sessanta, Stigwood strinse relazioni professionali con gli Who, diventando il loro agente di booking e discografico, e divenne il manager di una nuova band, i Cream, costituita da elementi di gruppi diversi che già rappresentava. Chiuso il contratto con la EMI a favore di uno più vantaggioso per lui con la Polydor, il 13 gennaio del 1967 Stigwood stipulò un accordo con Brian Epstein, manager dei Beatles, per la fusione delle loro società, la RSA di Stigwood e la NEMS di Epstein. La fusione non avvenne, per la rabbiosa reazione dei Beatles, ma Epstein passò la gestione di tutti gli altri suoi artisti a Stigwood.
Dei primi mesi del 1967 è l'incontro di Stigwood con i Bee Gees, allora appena arrivati un Inghilterra dall'Australia. Con loro firmò un contratto a titolo personale, fuori dalla NEMS, attraverso la Robert Stigwood Organisation, e costruì il gigantesco successo dei fratelli Gibb, dei quali rimase sempre il manager, nel bene e nel male (il peggiore flop fu il film "Sgt Pepper's Lonely Hearts Club Band").
In campo strettamente musicale Stigwood lavorò poi con Blind Faith, Eric Clapton, Yvonne Elliman. Si dedicò con successo anche alla produzione di musical ("Hair", "Oh Calcutta", "Evita") e di film ("Jesus Christ Superstar", "Tommy", "Saturday Nigh Fever", "Grease"). Negli ultimi anni aveva ridotto le sue attività e si era ritirato nella sua magione sull'isola di Wight, venduta proprio recentemente, pochi mesi prima della scomparsa avvenuta ieri.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.