Sull'eredità di Hendrix si scatena una sanguinosa faida familiare

Sull'eredità di Hendrix si scatena una sanguinosa faida familiare
Ottanta milioni di dollari (tanto sono valutati i diritti editoriali sulle canzoni del chitarrista di Seattle: ma altri attribuiscono alla sua eredità musicale il doppio del valore…) fanno gola a tutti. E al diavolo tutto il resto: la morte, due anni fa, del papà di Hendrix, Al, ha scatenato la guerra latente tra gli altri membri della famiglia, spingendo il fratello naturale di Jimi, Leon (escluso dal testamento del padre), i suoi figli e altri parenti dello scomparso musicista a portare in tribunale (vedi News) la sorellastra Janie e il cugino Bob, che del prezioso patrimonio sono da tempo gli unici amministratori attraverso la società Experience Hendrix.
I familiari del chitarrista, e Leon in primo luogo, accusano Janie di aver manipolato il padre (adottivo) approfittando delle sue incerte condizioni di salute, di averli esclusi totalmente dalla spartizione dei profitti e di aver operato scelte dannose per il patrimonio di famiglia, sostenendo che l’eredità di Hendrix deve tornare in mano ai legittimi eredi. Lei replica che il fratellastro non ha saputo far altro che chiedere soldi, litigare e seminare zizzania, e assicura che i parenti acquisiti riceveranno quanto loro spetta una volta che la società che la Experience Hendrix avrà saldato i suoi debiti: decideranno i giudici di Seattle, che in questi giorni dovrebbero pronunciare la loro sentenza.
Non è l’unica gatta da pelare, questa, per l’inflessibile Janie: sul mercato (vedi News) continuano a uscire i live non autorizzati della Purple Haze Records, che il discografico inglese Lawrence Miller pubblica sventolando contratti e licenze perse nella notte dei tempi, mentre ogni tanto si rifanno vivi vecchi collaboratori di Hendrix che, come il batterista Buddy Miles (vedi News) sostengono di non aver mai visto un dollaro di royalty e rivendicano la loro fetta di torta. Chi avrebbe immaginato un pandemonio del genere, 35 anni fa?
Dall'archivio di Rockol - Jimi Hendrix e la sintassi della musica
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.