Motorhead, a Lemmy Kilmister vennero dati 'dai due ai sei mesi di vita' per un cancro al cervello

Motorhead, a Lemmy Kilmister vennero dati 'dai due ai sei mesi di vita' per un cancro al cervello

Il tempo è corso veloce come le sue canzoni e la sua vita, almeno rispetto alla diagnosi - spietata, ma come lo è sempre, del resto, in questi casi - data dai medici a Lemmy Kilmister solo lo scorso 26 dicembre, quando al fu frontman dei Motorhead venne diagnosticato il male che poi l'avrebbe ucciso solo tre giorni dopo. A rivelarlo è stato il manager della rockstar scomparsa, Todd Singerman, nel corso di un'intervista rilasciata a Sky News: il cantante e bassista si rivolse agli specialisti già a metà dicembre, subito dopo il 13, quando al Whisky a Go-Go - leggendario locale di L.A. - si era tenuta una festa - alla quale l'artista aveva preso parte - in onore del suo settantesimo compleanno. Lemmy, non sentendosi bene, solo due giorni dopo, preferì recarsi in ospedale per un controllo, notando anche un rallentamento nella parlata: nonostante l'esito negativo degli esami preliminari, indagini più approfondite al cervello hanno rivelato la presenza di masse tumorali nell'encefalo e nel collo. Una cosa del tutto inaspettata, a detta dello stesso Singerman:

"E' tornato a casa dal tour, c'è stata questa grande festa al Whisky a Go-Go, con tutti i suoi amici, alla quale lui è andato e ha suonato. Due giorni dopo ci ha detto di non sentirsi bene, allora l'abbiamo portato in ospedale. Loro l'hanno dimesso, poi gli hanno fatto gli esami al cervello e hanno scoperto i tumori. I dottori sono venuti da noi con gli esiti un paio di giorni dopo e ci hanno detto: 'E' terminale'. E' stata una cosa che ci ha colti tutti di sorpresa: era l'ultima cosa che ci aspettavamo. Pensavamo fosse l'ultima cosa che potesse avere. E' stato visitato da migliori dottori degli ospedali di mezzo mondo, e nessuno l'ha scoperto (...) Sono stato al suo fianco per 25 anni, l'ho visto bersi mezzo gallone di Jack Daniel's al giorno, fumare due o tre pacchi di sigarette al giorno, tutti i giorni. Recentemente era passato alla vodka e al succo d'arancia. Questo tizio ha vissuto ogni giorno della sua vita, senza pause. Se volete il mio parere, è stata l'ultima rockstar rimasta"

Alla festa del 13 dicembre a L.A. - di fatto, l'ultima apparizione pubblica di Lemmy, hanno preso parte - come testimoniato dal video qui sotto - alcune delle più grandi personalità del rock contemporaneo come Slash, Scott Ian degli Anthrax, Billy Idol e Duff McKagan.

 

Caricamento video in corso Link
 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.