Rock and Roll Hall of Fame, nel 2016 entrano N.W.A, Deep Purple, Chicago, Steve Miller e Cheap Trick

Rock and Roll Hall of Fame, nel 2016 entrano N.W.A, Deep Purple, Chicago, Steve Miller e Cheap Trick

Sono stati resi noti oggi i nomi degli artisti che verranno inseriti - durante una cerimonia ufficiale che avrà luogo il prossimo 8 aprile al Barclays Center di Brooklyn, a New York - nella Rock and Roll Hall of Fame, massima istituzione rock statunitense che annualmente aggiunge al suo pantheon i nomi dei più importanti artisti sulla scena mondiale: per il 2016 l'iscrizione nel firmamento musicale a stelle e strisce è stato accordato ai pionieri del gangsta rap N.W.A., protagonisti del recente (e fortunato) biopic "Straight outta Compton", gli alfieri dell'hard rock britannico Deep Purple, i Cheap Trick di Robin Zander e Rick Nielsen, i Chicago, e il cantautore e chitarrista di Milwaukee Steve Miller.

Tra i grandi esclusi per la tornata di quest'anno figurano i Nine Inch Nails di Trent Reznor, gli ormai disciolti Smiths di Morrissey e Johnny Marr, i Cars e gli Yes, oltre che a Chaka Khan, gli Chic di Nile Rodgers, i J.B.'s e i Los Lobos.

L'edizione statunitense di Rolling Stone ha riferito delle reazioni a caldo dei neo-premiati. "Ho sentito che c'erano anche io Chicago, e ho subito pensato: 'giusto, anche loro lo meritano'", ha spiegato il batterista dei Deep Purple Ian Paice, secondo il quale la cerimonia di introduzione del suo gruppo "potrebbe finire in rissa" a causa dei tanti elementi alternatisi nella storica formazione negli anni, mentre incredulo è Dr. Dre: "Quando abbiamo inziato [con i NWA] non avremmo mai potuto immaginare questo. E' irreale. Mi sento piccolo in mezzo a questo gruppo di artisti incredibili". "Avere il nostro primo contratto discografico e aver fatto più di 5000 concerti non è stato male, ma questo finisce direttamente in cima al nostro curriculum", ha spiegato un "eccitato" Rick Nielsen, mentre un attestato di stima ai suoi collaboratori è stato il primo messaggio di Miller, che verrà introdotto nella Hall of Fame senza la sua storica band ("Senza di loro non avrei mai potuto farcela"). "Sono già rimasto sorpreso dalla nomination, dopo essere rimasti papabili per così tanti anni", ha chiosato Robert Lamm dei Chicago: "Poi siamo in grande compagnia".

Dall'archivio di Rockol - Il capostipite degli album dal vivo: "Made in Japan" dei Deep Purple
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
5 lug
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.