The Weeknd nei guai per 'The hills': accuse di plagio

The Weeknd nei guai per 'The hills': accuse di plagio

Il rapper e produttore canadese The Weeknd deve affrontare una causa legata al suo brano "The hills". Secondo la Cutting Edge Music Limited, infatti, Abel Tesfaye e il suo team di produttori avrebbero campionato senza alcuna autorizzazione la colonna sonora dl film di fantascienza "The machine" (2013).

Il punto chiave della causa intentata risiede in un messaggio inviato via Twitter da Emmanuel "Million Dollar Mano" Nickerson (che ha lavorato come produttore per "The hills") a Tom Raybould - autore della colonna sonora originale. Secondo i documenti dell'accusa il messaggio recitava:

Ho campionato la tua musica e potrebbe finire nel prossimo disco di The Weeknd. Sono un grande fan del tuo lavoro per il film "The machine"!

Il brano "The hills" compare sul disco di The Weeknd "Beauty behind the madenss", uscito quest'anno.

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.