Chris Brown cancella il tour in Australia: visto negato per l'aggressione a Rihanna

Chris Brown cancella il tour in Australia: visto negato per l'aggressione a Rihanna

Mancavano poche ore all'apertura dei Grammy Awards del 2009 quando Rihanna, allora giovane promessa appena ventunenne fase di lancio nello stardom mondiale, venne trovata nei pressi di Hancock Park, a Los Angeles, ferita e dolorante. Ad aggredirla, stabilirono le indagini-lampo della polizia californiana, fu l'allora suo fidanzato, Chris Brown, rapper al quale - dopo l'odioso atto di violenza - l'industria discografica americana voltò le spalle: per riabilitarsi, agli occhi di pubblico e addetti ai lavori, al cantante sarebbero serviti anni, e un lungo percorso di rieducazione concordato con le autorità statunitensi.

Alla polizia di frontiera australiana, tuttavia, nemmeno i numerosi mea culpa di Brown, le pubbliche ammende e i corsi di gestione della rabbia pare siano bastati: le autorità di Canberra hanno infatti negato all'artista il visto per un breve tour che avrebbe dovuto avere luogo a giorni in Australia e Nuova Zelanda a causa della condanna per violenza risalente al 2009.

Il caso ha destato scalpore, perché a Brown già nel 2009 venne concesso di portare il suo "FAME tour" nella terra dei canguri, nonostante le proteste della associazioni femministe. A chiarire la posizione della autorità, in occasione del recente diniego, è stata il ministro per le pari opportunità Michaelia Cash:

"La gente deve capire che se commetti violenze domestiche e poi vuoi andartene in giro per il mondo, tu possa anche incappare in posti dove ti dicano: 'Qui non puoi entrare, perché non sei il genere di personaggio benvenuto in Australia'"

Dal canto suo, l'entourage del gruppo si è limitato a diffondere un breve comunicato per auspicare un rapido dietrofront delle autorità.

Il paese di AC/DC e Nick Cave è piuttosto severo, con gli artisti che non abbiano una condotta specchiata riguardo alle rispetto e alla parità tra i generi: in passato, già a Odd Future e a Tyler The Creator vennero negati i visti di ingresso, in virtù di testi considerati misogini dalle autorità.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.