Thom Yorke attacca YouTube: 'Fa come i nazisti durante la Seconda guerra mondiale'

Thom Yorke attacca YouTube: 'Fa come i nazisti durante la Seconda guerra mondiale'

"Consequence of Sound" ed "NME", riprendendo un’intervista concessa da Thom Yorke a un quotidiano italiano, riportano un duro attacco del leader dei Radiohead (ma sempre impegnato anche in diversi progetti solisti e non) nei confronti della policy di YouTube e del trattamento riservato agli artisti e agli autori dei contenuti che vengono convogliati tramite la piattaforma di proprietà di Google.

Alla domanda su quale sia il suo mezzo preferito per scoprire nuova musica, Yorke ha risposto:

Soprattutto Boomkat [uno store digitale con base a Manchester - ndr] … di sicuro non utilizzo YouTube.

Yorke lamenta il fatto che su YouTube gli utenti sono costretti a "subire" i messaggi pubblicitari inseriti dalla piattaforma - che portano notevoli guadagni a Google, ma nessun beneficio agli artisti, che vengono compensati pochissimo.

E nel suo duro attacco è arrivato a comparare il comportamento di YouTube a quello dei nazisti durante il secondo conflitto mondiale:

Tutto ciò che so è che loro guadagnano soldi sfruttando il lavoro di molti artisti che, invece, non hanno alcun beneficio da tutto ciò. I fornitori di servizi  guadagnano: Google, YouTube. E fanno un sacco di denaro. "Oh, scusate, era roba vostra? Adesso è nostra. Anzi no, scherziamo, è sempre vostra". Loro saccheggiano tutto. E' la stessa cosa che fecero i nazisti durante la Seconda guerra mondiale. Anzi, lo facevano un po' tutti, anche gli inglesi: rubavano le opere d'arte dagli altri Paesi. C'è qualche differenza?

Del resto Yorke da tempo ha espresso il proprio sentimento fortemente avverso anche a Spotify e alla musica in streaming e non ha perso l'occasione per ricordarlo:

Quando Byrne ha preso posizione contro Spotify, è stato un grande sollievo per me. Finalmente non ero più l'unico a dire "Scusate, ma non è corretto questo meccanismo".

Il musicista ha anche speso alcune parole per ribadire il proprio amore nei confronti del vinile:

Di recente ho tirato fuori tutti i miei vinili. Roba che ho collezionato in una vita... e con ogni singolo pezzo ho un rapporto speciale. Quando vado a fare il dj, col vinile c'è un contatto diretto: devi scegliere i dischi, metterli in una borsa, piazzare tutto su un taxi e poi scaricare, tirarli fuori. E' un tipo di rapporto che coi file digitali e le chiavette USB non esiste. E ha un effetto deleterio sulle modalità in cui viene creata la musica.

Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.