Mia, nel video di 'Borders' su un barcone coi migranti - GUARDA

Da sempre molto sensibile riguardo ai temi sociali di scottante attualità, la cantante britannica di origini Tamil ha reso disponibile oggi una clip abbinata a un nuovo brano, "Borders" ("Confini"), destinato a figurare nella tracklist del suo prossimo album in studio, "Matahdatah": nel video Mia canta davanti a un gruppo di migranti prima intenti a superare una recinzione in ferro e filo spinato - simile a quella che delimita i confini di Ceuta, enclave spagnola in territorio africano sovente teatro di tentativi di ingresso non autorizzato nel territorio europeo - e su un barcone carico di profughi.

Il ritornello del brano recita:

"Politici, qual è il problema? / La polizia che spara, qual è il problema? / Identità, qual è il problema? / I vostri privilegi, qual è il problema? / Disperati, qual è il problema? / Boat people, qual è il problema?"

Al momento, la data di pubblicazione di "Matahdatah" non è ancora stata comunicata.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.