Comunicato Stampa: Nomadi in concerto il 14 settembre a Sulmona

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

A grande richiesta, tornano in Abruzzo i NOMADI. L'associazione Pro Loco di Sulmona, dopo il grande successo ottenuto con i concerti dei POOH e di MASSIMO RANIERI al parco fluviale "Augusto Daolio", propone un nuovo concerto dal vivo, con la band più longeva della musica italiana. La formazione, guidata dal tastierista e fondatore Beppe Carletti, si esibirà martedì 14 settembre, alle ore 21, al Parco fluviale "Augusto Daolio" di Sulmona (in caso di maltempo lo spettacolo si svolgerà al Palasport di via XXV Aprile). Il concerto è organizzato con il patrocinio della Provincia dell'Aquila e del Comune di Sulmona.

I NOMADI nascono nel 1963 tra Reggio Emilia e Modena, su iniziativa del tastierista Beppe Carletti e del cantante Augusto Daolio, ai quali si aggiungono Franco Midili (chitarra), Leonardo Manfredini (batteria), Gualtiero Gelmini (sax), Antonio Campari (basso). In breve tempo, però, il gruppo subisce dei cambiamenti nell'organico, con Gelmini, Campari e Manfredini che lasciano il campo a Bila Coppellini (batteria) e Gianni Coron (basso). E' di due anni dopo l'incontro con Francesco Guccini, che collabora con loro per il brano "Dio è morto", primo grande successo del gruppo: il brano, censurato dalla radiotelevisione di Stato, passa invece a Radio Vaticana, e proprio nel Vaticano, qualche tempo dopo, i Nomadi si esibiscono, quale primo gruppo pop italiano. Nel 1966 esce il singolo "Come potete giudicar", con il quale ottengono i primi consensi del pubblico e i primi ingaggi come ospiti in diversi programmi televisivi. La loro popolarità cresce così per tutti gli anni '70, grazie ad un seguito di fans fedelissimi che cresce giorno dopo giorno, innumerevoli concerti e alcune splendide canzoni. Nella prima metà degli anni '80 si verifica un cambiamento d'organico con il bassista Dante Pergreffi che sostituisce allo strumento Umberto "Umbi" Maggi. Nel 1981 esce Ancora una volta con sentimento, mentre tre anni dopo è la volta di Ci penserà il computer.. Da lì seguono altri dischi fino al 1989, quando entrano nel gruppo Daniele Campani e Cico Falzone. Riparte una nuova carriera con gli album Solo Nomadi e Gente come noi. Rimane immutato il loro seguito di pubblico, che ad ogni uscita spedisce gli album dei Nomadi in classifica, consentendo alla band emiliana di vincere dischi d'oro. Il 1992 si rivela un anno terribile nella storia del gruppo, che perde due dei suoi componenti: il 14 maggio in un incidente stradale muore il bassista Dante Pergreffi, mentre ad ottobre è proprio Augusto Daolio, leader del gruppo, ad andarsene a causa di un tumore. I fan chiedono al gruppo di andare avanti. Entrano prima Elisa Minari (basso) e successivamente i vocalist Francesco Gualerzi e Danilo Sacco. Dopo quattro anni intensi, Elisa e Francesco escono dal gruppo per fare il posto a Massimo Vecchi (basso) e a Sergio Reggioli (violino). Nel 2002, i Nomadi sono primi in classifica con Amore che prendi amore che dai. L'ultimo album è la doppia antologia Nomadi 40, uscita in occasione dei 40 anni di attività del gruppo. Il nuovo disco è atteso per il prossimo autunno.

Come acquistare i biglietti:
- in tutti i principali punti vendita della regione Abruzzo (per conoscere il Punto Vendita più vicino tel. 389 9737620 - per informazioni e acquisto);
- direttamente con vaglia postale. Per info 389 9737620 bisestile@yahoo.it

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.