Adele evita le sponsorizzazioni: ha detto di no a 'qualunque cosa tu possa immaginare'

Adele evita le sponsorizzazioni: ha detto di no a 'qualunque cosa tu possa immaginare'

La popstar britannica Adele, con il suo nuovo singolo "Hello", sta sbancando le classifiche (è già disco di platino, in Inghilterra, a sole tre settimane dall'uscita) e a giorni tutto questo fermento è destinato a subire un ulteriore spinta verso l'altro, con l'uscita del nuovo album "25" - che arriva il 20 novembre.

Proprio nell'ottica di promuovere questa sua nuova uscita, l'artista ha rilasciato un'intervista alla testata inglese "The Observer" (settimanale che esce la domenica, di proprietà dello stesso gruppo del "The Guardian"), in cui ha parlato della famiglia, del successo e - tema intrigante - dei tre anni in cui, dopo l'enorme successo di "21", si è mantenuta in disparte e ha quasi fatto perdere le proprie tracce, anche se, in realtà, si dedicava alla famiglia (il compagno Simon Konecki e il figlio avuto da lui: Angelo) e al nuovo album.

Adele ha spiegato che il suo desiderio era di restare fedele alle proprie idee e origini, senza che la fama e il successo le dessero alla testa. Un principio che ha seguito con costanza, ma che la ha portata a rifiutare molte proposte economicamente interessanti, soprattutto per quanto riguarda il campo delle sponsorizzazioni/endorsement:

A cosa ho detto di no? Praticamente qualunque cosa tu possa immaginare. Davvero, ogni cazzo di cosa. Libri, vestiti, cibo, catene di palestre... ecco queste qui forse erano la cosa più divertente. Volevano che io diventassi il volto per la campagna di una nuova auto. Poi giocattoli, app, candele. E io dicevo. "Non voglio fare da testimonial per una linea di smalti per unghie, ma grazie per avere pensato a me". Mi vuoi dare un milione di sterline per cantare alla tua festa di compleanno? No, grazie davvero... se lo faccio, al massimo lo faccio gratis. Auguri.

 

Poi Adele ha commentato le voci che la vogliono un personaggio irraggiungibile, gelosissima della privacy e impossibile da contattare - anche per colleghi blasonati come Bob Geldof e Phil Collins. Lei nega di essere così e di essersi nascosta:

Non sono un'eremita. Possiamo dirlo chiaramente una volta per tutte? Non ho mai smesso di uscire a fare compere nei negozi. Nei parchi. Nei musei. Semplicemente non mi sono fatta fotografare mentre lo facevo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.