Roger Waters: il nuovo album sarà un concept sulla domanda 'perché uccidiamo i bambini?'

Roger Waters: il nuovo album sarà un concept sulla domanda 'perché uccidiamo i bambini?'

L'ex Pink Floyd Roger Waters da tempo è al lavoro su un disco solista che - a quanto pare - avrà nuovamente un piglio rock. L'ultima sua uscita risale al 2005, quando pubblicò "Ça Ira", che era un'opera in tre dischi ed era decisamente lontana dal rock, sonorità che ha abbracciato per l'ultima volta, in un album, nell'ormai lontano 1992 (con "Amused to death").

In una nuova e lunga intervista concessa all'edizione statunitense di "Rolling Stone", Waters ha dato alcune indicazioni su questo suo nuovo lavoro. A quanto pare c'è molta carne sul fuoco ed esiste un corpus di demo già incisi, ma la situazione è ancora da definire in maniera netta:

Ho registrato una versione demo intera. Me ne sto in una stanza seduto con una chitarra, i demo, un bloc-notes e una penna, a frugare fra le idee e a scrivere appunti. Sto cercando di dare forma al tutto, fare uno schizzo definitivo che dia l'idea di come sarà il quadro una volta finito. E per farlo utilizzo lo stratagemma di pensare a tutta la cosa come a uno spettacolo da portare negli stadi, perché penso di volerne fare ancora uno. Sto provando a capire come incastrare insieme tutti i nuovi pezzi con quelli vecchi, per creare uno spettacolo da stadio coerente, così da riuscire a far appoggiare un po' di culi sui sedili. La domanda fondamentale che sta dietro a tutto l'album è: "Perché uccidiamo i bambini?".

Si deduce, quindi, che l'argomento è legato al tema del conflitto e della guerra, che purtroppo vede continuamente i bambini fra le vittime innocenti e ingiustificabili. Del resto a fine settembre già aveva accennato, sempre parlando con un inviato di "Rolling Stone USA" a una possibile storyline per il concept album, che riconduce al tema di cui sopra - anche se all'epoca il musicista aveva espressamente parlato della guerra civile in Irlanda come ispirazione, mentre ora potrebbe avere allargato lo spettro dando un respiro più mondiale alla cosa.

A proposito della tempistica per l'uscita del disco, Waters si dimostra molto rilassato e possibilista, senza sbilanciarsi. Alla domanda "Hai una sorta di programma per quando vorresti che uscisse l'album?" il musicista risponde:

Non mi preoccupo molto di speranze e timori. Ora che arriva l'inverno mi trovo a lavorare sempre di più.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.