P. Diddy paga la ex e 'ruba' uno stilista a Ralph Lauren

Sean “P.

Diddy” Combs dovrà sborsare 35mila dollari al mese per il mantenimento del figlio Justin. Il rapper, trascinato in tribunale dalla sua ex Misa Hylton-Brim (vedi News), arrabbiata perché un’altra ex di Puffy (Kim Porter, madre del piccolo Christian) percepiva molti più soldi di lei, ha vinto la sua battaglia e si è vista rimborsare anche quasi mezzo milione di dollari come pagamento degli arretrati. L’artista non si è fatto abbattare da questa sconfitta e si è ributtato subito nel lavoro, mettendo a segno un colpo da maestro. Combs ha infatti soffiato lo stilista Max Wilson a Ralph Lauren, per farlo entrare nello staff della sua Sean John. La missione è quella di far giungere nei negozi americani entro il 2006 la nuova linea d’abbigliamento dedicata alle donne. La Sean John ha un fatturato annuo di 450 milioni di dollari negli Stati Uniti.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.