Rolling Stones, settant'anni e non sentirli (anche dietro il palco): le richieste del management per i loro concerti

Rolling Stones, settant'anni e non sentirli (anche dietro il palco): le richieste del management per i loro concerti

Se credete che i Rolling Stones siano quel genere di gruppo che sotto i riflettori, strumenti e microfoni alla mano, sprizzino energia da tutti i porti ma dietro alle quinte siano costretti a ricorrere a maschere a ossigeno, camere iperbariche o a qualsiasi altro segreto di eterna giovinezza vi sbagliate di grosso. O, meglio, Mick Jagger e soci un segreto di eterna giovinezza ce l'hanno, ma è rimasto quello che avevano anche cinquant'anni fa, cioè quello di fare casino e divertirsi come se non ci fosse un domani, anche a costo di far storcere il naso ai teorici del salutismo.


Questo, almeno, emerge dal rider - in gergo, il documento che il management di un gruppo inoltra agli organizzatori del concerto con le richieste della band in merito a sistemazione, vitto e altro - che lo staff della band di "Satisfaction" ancora oggi, a mezzo secolo dagli esordi, allega ai contratti da firmare per organizzare i loro live show: TMZ, che è riuscito a entrare in possesso dell'elenco di condizioni dettate dai veterani rocker, pur senza riprodurre in toto le diverse pagine di specifiche ha offerto una gustosa carrellata sulle esigenze del gruppo.


Agli Stones, si sa, piace fare casino, ma piace anche la privacy: per questo le finestre dei loro alloggi devono essere rigorosamente oscurate, in modo che il party possa continuare per tutta la notte al riparo da occhi indiscreti.

Di orari, nemmeno a parlarne: "che sia legale o no", la struttura che destinata ad ospitare il gruppo dovrà rimanere funzionale al 100% "fino a quando la band sarà in loco". Il personale di maggiordomi e cameriere dovrà essere rafforzato, perché - in termini di servizi - Jagger, Richards e compagni non hanno intenzione di farsi mancare nulla: il servizio lavanderia dovrà rimanere attivo 24 ore su 24. Poi gli Stones non saranno più ragazzini, ma la tecnologia la usano, eccome: ecco perché ogni locale che occuperanno dovrà essere dotato di istruzioni dettagliate sull'utilizzo dei dispositivi elettronici, dalo schermo piatto con TV satellitare all'accesso alla Rete wi-fi. E, ultima ma non meno importante, la richiesta (pare) espressamente inserita da Keith Richards, ovvero una robusta fornitura di sigarette Marlboro rosse e light.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.