NEWS   |   Industria / 30/09/2015

Apple Music esordisce in Cina, insieme a iTunes movies e iBooks

Apple Music esordisce in Cina, insieme a iTunes movies e iBooks

Il 30 settembre 2015, per Apple, segna una data non da poco, in quanto l'azienda di Cupertino ha finalmente lanciato in Cina Apple Music, iTunes movies e iBooks. Si tratta di un traguardo importante in quanto la Cina rappresenta il maggiore mercato in cui Apple può espandersi - e proprio i segnali non positivi che provenivano dalla situazione economica del Paese hanno determinato, nelle scorse settimane, le oscillazioni nel valore delle azioni della compagnia fondata da Steve Jobs e Steve Wozniak.

Apple, in questo modo, diventa il primo grande content distributor occidentale ad affermare la propria presenza in Cina - e nessuno dei competitor, fino a ora, aveva neppure tentato una simile mossa. Nel Paese, infatti, tutto si basava su servizi locali come Xiami e Baidu.

Apple Music costerà l'equivalente di 1,50 dollari al mese, che comunque è una cifra superiore a quella che secondo i rilevamenti gli utenti cinesi spendono mensilmente per la musica, ma è sufficientemente bassa per allettare i tanti possessori di iPhone.

A un primo esame, la pagina di itunes cinese mostra chiaramente una selezione di artisti in grande maggioranza cinesi: questo significa che Apple ha stretto accordi di licensing con alcune label locali - ma vuole anche dire che le playlist in curation dovranno essere declinate su queste tipologie di artisti, con un diverso approccio rispetto a quelle fino a ora offerte.