E’ un rap a sfondo politico il tormentone estivo israeliano

Il tormentone musicale dell’estate israeliana è un brano rap con un testo a sfondo politico. L’idea è nata dallo scrittore israeliano David Grossman che ha scritto “La poesia dello sticker” riprendendo gli slogan dagli adesivi (sticker in inglese) attaccati sulle automobili, usati soprattutto dai sostenitori della destra israeliana.

Grossman ha poi chiesto al celebre gruppo rap israeliano Dag Nachash (in italiano, Il pesce serpente) di inserirci la musica.
Il brano è diventato un tormentone dell’estate israeliana e da cinque settimane è in vetta alla classifica di vendita. “Mettere insieme le decalcomanie delle auto”, ha spiegato Grossman, “mi ha fatto pensare a quanto brutale e aggressiva sia la battaglia politica in Israele. A quanto duri e volgari sono i termini che usiamo. La gente è rimasta indubbiamente colpita dalla durezza di questa canzone”. (Fonte: La Repubblica)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.