I Minions, una colonna sonora molto rock. TRAILER

I Minions, una colonna sonora molto rock. TRAILER

Il film sui minuscoli esserini gialli sta dilagando nelle sale cinematografiche italiane, grazie naturalmente al pubblico dei bambini che è il suo primo destinatario.

Io l'ho visto in luglio in Francia, dove è uscito in anticipo sull'Italia, proprio per portarci mio figlio; ma non è stato per nulla un sacrificio, non solo perché il film è molto divertente anche per gli adulti (è fitto di riferimenti e ammiccamenti, chissà se il doppiaggio italiano li ha mantenuti intatti), ma anche perché nella colonna sonora ci sono un sacco di pezzi storici del rock e del pop, soprattutto degli anni Sessanta (la vicenda è ambientata a Londra nel 1967). Per dire: "Happy together" dei Turtles, "19th Nervous breakdown" dei Rolling Stones, il tema della serie TV "Simon Templar", "I'm a man" dello Spencer Davis Group, "Break on through (To the other side)" dei Doors, "Purple Haze" di Jimi Hendrix, "You really got me" dei Kinks, "The letter" dei Box Tops, "My generation" degli Who, "Mellow Yellow" di Donovan, "Under pressure" dei Queen con David Bowie, "Rocky road to Dublin" dei Dubliners, "Eruption" dei Van Halen e "Got to get you into my life" dei Beatles (incredibilmente nell'edizione originaria, non attraverso una cover).


Se avete un bambino piccolo, o un fratellino minore, fate un bel gesto e portatelo al cinema: farete un piacere anche alle vostre orecchie. E attenzione: nel Cd della colonna sonora - che peraltro in Italia non è commercializzato - dei pezzi sopra elencati ci sono solo Turtles, Spencer Davis Group, Kinks, Who e Donovan - tutto il resto è musica scritta da Heitor Pereira (però il tema dei Monkees "cantato" dai Minions è imperdibile).
(fz)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.