MTV Video Music Awards 2015: vince Taylor Swift, ma la regina (con polemica) è Miley Cyrus. La lista dei vincitori

MTV Video Music Awards 2015: vince Taylor Swift, ma la regina (con polemica) è Miley Cyrus. La lista dei vincitori

Con tre statuette nelle categorie "miglior video femminile", "miglior video pop" e "miglior video dell'anno" Taylor Swift è la grande vincitrice dell'edizione 2015 degli MTV Video Music Awards, conclususi poco fa al Microsoft Teather di Los Angeles, California: la regina del pop americano, nel corso della serata, ha avuto anche l'occasione di "ricucire" definitivamente lo strappo con Kanye West - che proprio qualche edizione dei VMA tentò di "scipparle" il premio - consegnando al rapper il premio alla carriera "video vanguard" intitolato a Michael Jackson.

La polemica, tuttavia, non è mancata: Nicki Minaj, che qualche settimana aveva polemicamente contestato l'assenza di "Anaconda" nella categoria "miglior video dell'anno", per poi essere protagonista con Taylor Swift (e non solo) di un acceso scambio di vedute mezzo social, ha mostrato di aver fatto pace con la collega di Reading, Pennsylvania (esibendosi con lei, in apertura, in un duetto su "Bad blood"), ma non con la conduttrice, che giusto qualche ora fa era tornata sull'argomento in un'intervista al New York Times. Nell'accettare il premio per "Anaconda" nella categoria "miglior video hip hop", la cantante, dopo i ringraziamenti di rito, ha detto - rivolgendosi a Miley Cyrus - "E adesso torniano a quella stronza che l'altro giorno ha avuto un sacco di cose da dire su di me sui giornali".

La Cyrus ha cercato di gestire il fuori programma con un generico "Hey, siamo tutte e due nell'ambiente, facciamo tutte e due interviste e tutte e due sappiamo come loro [i giornalisti] siano capaci di manipolare questa merda. Congratulazioni, Nicki". Alla Minaj, a quel punto, era già stato silenziato il microfono, ma l'espressione e i gesti nei confronti della collega lasciano pensare che niente si sia ancora chiarito, e che - mezzo stampa (manipolazione permettendo, ovviamente) o social media della faccenda si parlerà ancora.

Miley è stata, tuttavia, la protagonista della serata: la voce di "Bangerz" ha cambiato più abiti di scena durante la serata, riducendo progressivamente i centimetri di pelle coperta, senza risparmiare - durante i brevi sketch previsti in scaletta - cenni alla marijuana e imprecazioni non esattamente da prima serata. E lasciandosi addirittura sfuggire un quasi topless in un collegamento da dietro le quinte.

In questo senso, anche Kanye West non ha fatto mancare niente al proprio pubblico, concludendo il suo discorso post-premiazione con l'annuncio della sua corsa alla Casa Bianca in occasione delle presidenziali del 2020. Più emotivo che scandaloso, invece, Justin Bieber, che terminata la performance di  "Where are U now" (singolo realizzato con Skrillex e Diplo anche premiato nella categoria migliori effetti visivi) e del nuovo singolo "What do you mean?", è letteralmente scoppiato in lacrime.

Ecco, di seguito, l'elenco dei vincitori nelle categorie principali:

Best Male Video - "Uptown Funk" (Bruno Mars, Mark Ronson)
Best Hip Hop Video - "Anaconda", Nicki Minaj
Best Female Video - "Blank Space", Taylor Swift
Video with a Social Message - "One Night Can Change the World", Big Sean (feat. Kanye West and John Legend)
Video Vanguard (premio alla carriera) - Kanye West
Artist to Watch - Fetty Wap
Video of the Year - "Bad Blood", Taylor Swift (con Kendrick Lamar)
Best Collaboration - "Bad Blood", Taylor Swift (con Kendrick Lamar)
Best Rock Video - Fall Out Boy, "Uma Thurman"
Best Pop Video - Taylor Swift, "Blank Space"
Song of Summer - 5 Seconds Of Summer, "She's Kinda Hot"
Best Visual Effects - Skrillex & Diplo – “Where Are U Now”, con Justin Bieber 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.