Calais, band in tour trova un migrante nella custodia della chitarra

Calais, band in tour trova un migrante nella custodia della chitarra

Il maggiore dei porti che collega il Regno Unito all'Europa continentale è da diverse settimane uno dei punti più caldi del flusso migratorio che dall'inizio di questa estate sta interessando il Vecchio Continente: la presenza dell'imbocco del tunnel ferroviario che corre sotto Manica ha attirato nella cittadina francese centinaia di migliaia tra profughi e migranti speranzosi di raggiungere - eludendo i controlli delle autorità - la Gran Bretagna.


I Wille and the Bandits, band inglese che qualche giorno fa stava tornando in patria dopo una serie di date, ha sperimentato sulla propria pelle il dramma che si sta replicando, proprio in queste ore, sulla frontiera serbo-ungherese: giunti alla dogana, gli artisti - notando strani spostamenti nel carico del furgone sul quale stavano viaggiando - hanno trovato due uomini che stavano cercando di entrare clandestinamente nel Regno Unito. Uno stava semplicemente seduto tra amplificatori e strumenti, mentre l'altro - verosimilmente di corporatura minuta e di bassa statura - si era addirittura nascosto nella custodia di una chitarra.



"Sono letteralmente saltati fuori due tizi nel retro del nostro van, appena fuori Calais: abbiamo notato del movimento nel carico e ne abbiamo trovato uno seduto lì in mezzo, e l'altro nascosto nella custodia della mia chitarra. Ci sentiamo veramente dispiaciuti per loro: ad essere onesti, ci sembravano davvero disperati, e solo desiderosi di conquistare una vita migliore. [Cose come queste] Ti fanno capire di quanto si sia fortunati, e di non prendere nulla per garantito"

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.