One Direction, tempi duri: il padre di Louis tenta il suicidio, a picco negli USA le vendite di 'Drag me down'. E Liam...

One Direction, tempi duri: il padre di Louis tenta il suicidio, a picco negli USA le vendite di 'Drag me down'. E Liam...

Pare si stia preparando il più classico degli autunni caldi per la boyband pronta, entro la fine del 2015, a debuttare con un nuovo album da quartetto dopo la defezione di Zayn Malik: nelle ultime ore le testate d'oltremanica hanno infatti battuto diversi lanci decisamente poco felici per gli One Direction, ancora impegnati nella branca nordamericana dell'"On the road again tour".

Ad aprire le danze è stato il Sun, che ha riferito del tentato suicidio del quarantaseienne padre di Louis Tomlinson: l'uomo, che da almeno tre anni non ha più alcuna forma di rapporto con il figlio, avrebbe cercato di uccidersi intossicandosi con i gas di scarico della propria auto dopo una nottata di pesanti libagioni. Fallito il tentativo di togliersi la vita, il genitore della popstar sarebbe stata fermata dalla polizia di Doncaster per sospetta guida in stato di ebbrezza: portato al vicino commissariato, Troy Tomlinson avrebbe cercato di compiere atti di autolesionismo. Secondo il tabloid, le autorità avrebbero optato per un trattamento sanitario coatto.

Un altro red top - il Daily Star - osserva invece come le vendite di "Drag me down", il nuovo singolo inedito scelto come apripista per la nuova fatica in studio della band assemblata da Simon Cowell, siano calate vertiginosamente nel ultimi sette giorni sul mercato statunitense: mentre nella classifica inglese il brano è ancora presente, seppure al nono posto, nella top ten dei singoli più acquistati, nella USA Top 40 la canzone è precipitata in una sola settimana dalla terza alla ventiseiesima posizione, scalando di ben ventitré tacche in una manciata di giorni.

A completare il quadro si è aggiunta, nelle ultile ore, una polemica deflagrata sui social su un'uscita pubblica di Liam Payne che parte del pubblico ha inteso come eterocentrica e discriminatoria dei fan omossessuali: il fattaccio ha avuto luogo poco prima dell'attacco del brano "Girl almighty" durante la tappa del tour a Columbus, Ohio. Introducendo al pubblico il brano, Payne ha spiegato come la canzone parli della ricerca "della donna della tua vita, che nessuno di voi potrà mai incontrare perché siete quasi tutte ragazze. A parte gli uomini presenti in platea, voi sapete di cosa stia parlando...". Alla protesta della comunità lgbt Payne ha risposto sui propri canali social:

"Non sono in nessun modo omofobo, e trovo ridicole le accuse che mi sono state rivolte. Non sono qui per offendere nessuno, quindi prendete quello che ho detto come volete..."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.