I video più violenti o piccanti degli artisti britannici su YouTube e Vevo saranno vietati ai minori - GUARDA

I video più violenti o piccanti degli artisti britannici su YouTube e Vevo saranno vietati ai minori - GUARDA

Se hai meno di 18 anni e sei inglese probabilmente pensi che non ci sia nulla di meglio che guardare un bel video musicale violento o pruriginoso. Bene (o meglio, male) perché se rientri in questa categoria oggi per te non è proprio una bella giornata. Il British Board of Film Classification ha introdotto classificazioni basate sull’età per i video musicali online.

Sony Music, Universal Music e Warner Music hanno annunciato che manderanno i loro video alla BBFC prima di metterli su YouTube e Vevo, in modo che possano essere visualizzati come i film per fascia d’età.

Questi avvisi riguarderanno solo agli artisti britannici, negli Stati Uniti i dodicenni potranno continuare a guardare tette e pistole ascoltando musica.
Finora, sono state presentate al Board 132 video: 56 sono stati valutati vietati ai 12enni e 53 come vietati a chi ha meno di 15 anni. Solo un video è stato bollato come vietato ai minori di 18 anni, ‘Couple of Stacks' di Dizzee Rascal.

Candice Morrissey di YouTube ha commentato: "Stiamo lavorando con chi ha partecipato a questo progetto per aiutarli a visualizzare la classificazione per età della BBFC sui video musicali pubblicati su YouTube. Questo si aggiunge ai controlli che abbiamo già in essere su YouTube tra cui la possibilità per gli uploaders di aggiungere avvertenze riguardo l’età per i video pubblicati”.

Esempi di video vietati ai minori di 15 anni sono “Open wide”di Calvin Harris per il suo contenuto violento e “Meet Me In The Middle” di Jessie Ware per le sue implicazioni sessuali.






 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.