Ritchie Blackmore, chiede ai Deep Purple 750.000 sterline per royalties non pagate

Ritchie Blackmore, chiede ai Deep Purple 750.000 sterline per royalties non pagate

Il chitarrista Ritchie Blackmore – che ha scritto alcuni tra i riff più indimenticabili della band – chiede circa 750.000 sterline per royalties non corrisposte a due società che gestiscono gli affari dei Deep Purple.

Questo quanto riferisce il ‘Mail on Sunday’. A dire di Blackmore la Deep Purple (Overseas) ha utilizzato un tasso di cambio errato che ha generato nel tempo un ammanco di circa 600.000 sterline, mentre la Hec Enterprises dovrebbe corrispondere al chitarrista il resto della somma.

A qualche anno di distanza il chitarrista sta seguendo le orme dei suoi colleghi – Ian Gillan, Jon Lord, Ian Paice e Roger Glover – che nel 2003 (senza Blackmore) citarono in giudizio le stesse società per i medesimi motivi raggiungendo una soluzione. Ora Blackmore esige un quinto di quanto i suoi vecchi compagni ebbero da quella causa.

Ritchie Blackmore fu il chitarrista della band inglese dal 1968 al 1975, scrivendo gli epocali riff di canzoni come “Smoke on the water” e “Black night”. Si rese famoso oltre che per la maestria con la sei corde anche per una totale intransigenza verso i suoi compagni di band. La sua caratterialità portò, i Rainbow, il gruppo nel quale militò conclusa l’esperienza con i Deep Purple, a non avere la medesima line up per due album consecutivi.

Nel 1984 tornò nei Deep Purple che lasciò definitivamente nel 1997. In seguito, con la moglie Candice Night, ha fondato i Blackmore’s Night mantenendo inalterata la caratteristica dei continui cambi di formazione. Stando a Wikipedia, sino ad ora sono stati 26 i membri entrati a far parte dei Blackmore’s Night.



 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.