Grateful Dead, ecco com'è andato l'ultimo concerto. Il saluto di Obama - VIDEO

Attenzione: questa notizia contiene spoiler su quello che è stato il concerto di addio dei Grateful Dead al Soldiers Field di Chicago: se avete intenzione di andarlo a vedere questa sera nei cinema, non continuate la lettura.

L'ultimo concerto della rock band statunitense al Soldiers Field di Chicago ha avuto inizio con un inchino che ha visto raccolti i sette componenti del gruppo al centro del palcoscenico; i Grateful Dead hanno eseguito di fronte al pubblico dello stadio di Chicago un totale di diciotto brani tratti dai ventidue album consegnati al mercato dalla band tra il 1967 e il 1990 (più sotto trovate la scaletta), suddivisi in due set diversi (tre se si considera anche l'encore).

Il concerto ha avuto inizio con "China cat sunflower" (dall'album "Aoxomoxoa", del 1969), il cui finale ha visto poi i musicisti spostarsi su "I know you rider", e si è chiuso con "Attics of my life" (da "American beauty" del 1970): nel mezzo, brani che hanno segnato tappe importanti della carriera del gruppo statunitense quali, ad esempio, "Truckin'", "Touch of grey" (eseguito durante l'encore), "Althea", "Unbroken chain" e "Not fade away". Uniti alla folla esultante anche alcuni volti noti al pubblico statunitense, come quelli dell'attore comico Bill Murray, del cantautore Perry Farrell e del frontman dei Blues Traveler John Popper.

Una foto del Soldiers Field poco prima l'inizio del concerto:





Questa la scaletta dell'ultimo concerto dei Grateful Dead al Soldiers Field di Chicago:

Set1:
"China Cat Sunflower > I Know You Rider"
?"Estimated Prophet"?
"Built to Last"
?"Samson and Delilah"
?"Mountains of the Moon > Throwing Stones"

Set 2:
"Truckin'"?
"Cassidy"?
"Althea"
?"Terrapin Station"?
"Drums > Space"?
"Unbroken Chain"?
"Days Between"?
"Not Fade Away"

Encore:
"Touch of Grey"?
"Attics of My Life"

Qui sotto vi proponiamo invece alcuni video della serata:

















Il Presidente degli Stati Uniti, Barack Obama, ha voluto omaggiare i Grateful Dead in occasione dei loro ultimi concerti; poco prima dell'inizio del concerto al Soldiers Field di Chicago, Obama ha infatti speso alcune belle parole in merito alla rock band statunitense in una lettera nella quale ha scritto:

"Cinquant'anni di Grateful Dead, una band che può essere considerata un'icona della musica americana e che incarna la creatività, la passione e la capacità di unire le persone: caratteristiche che rendono la musica americana così grande. Godetevi le celebrazioni di questo fine settimana con i vostri fan. E come direbbe Jerry: 'Fa' che le canzoni riempiano l'aria'".






 
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.