Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 01/07/2015

Thom Yorke cambia idea sullo streaming? La sua musica è ora su Apple Music

Thom Yorke cambia idea sullo streaming? La sua musica è ora su Apple Music

Sembra proprio che Thom Yorke (frontman dei Radiohead e componente chiave degli Atoms For Peace, nonché artista solista) abbia cambiato idea a proposito della musica in streaming online. O, comunque, le sue posizioni sono mutate, rispetto alla fiera opposizione e vis polemica mostrate nel 2013. Molti ricorderanno, infatti, che in quell'annata Thom fece eliminare dal catalogo Spotify, Rdio e Deezer l'album solista "The eraser" e quello degli Atoms For Peace "AMOK".

Il suo collaboratore e produttore, Nigel Godrich, all'epoca spiegò:

Il motivo è che i nuovi artisti non vengono pagati un caz*o con questo metodo. E' un'equazione che non funziona. Si stanno impadronendo dell'industria musicale usando l'entrata di servizio e se non proviamo a rendere il tutto più giusto per i nuovi produttori e musicisti, allora tutta questa forma d'arte avrà a soffrirne.

Con il lancio di Apple Music, avvenuto ufficialmente il 30 giugno, però arriva anche una sorpresa: non solo nel catalgo del nuovo servizio di streaming Apple troviamo "The eraser" e "AMOK", ma anche l'altro disco solista di Yorke ("Tomorrow’s modern boxes", originariamente distribuito solo tramite BitTorrent) e "In rainbows" dei Radiohead - l'unico disco dei Radiohead che non è mai stato disponibile su Spotify.

Si tratta di una contraddizione abbastanza palese, rispetto alle sue posizioni di solo due anni fa. E non è facile giustificare questo cambiamento neppure da un punto di vista strettamente economico, visto che le royalties corrisposte da Apple Music dovrebbero essere sostanzialmente al pari di quelle erogate da Spotify.

 

Scheda artista Tour&Concerti
Testi