Manu Chao in concerto a Monza, spettatore in coma dopo aggressione

Manu Chao in concerto a Monza, spettatore in coma dopo aggressione

Un trentaseienne si trova in stato di coma dopo essere stato aggredito all'interno dell'area che ha ospitato il concerto di Manu Chao, lo scorso sabato 20 giugno, all'autodromo di Monza: secondo la ricostruzione della Polizia di Stato intervenuta in loco e riferita da diverse testate locali, verso le battute finali dello show del già leader dei Mano Negra l'uomo, in evidente stato di ebbrezza, avrebbe infastidito il personale di un punto di ristoro mobile presente nei pressi del palco. Fermato e allontanato da alcuni conoscenti, lo spettatore sarebbe stato poi raggiunto dal gestore del chiosco, che l'avrebbe colpito con forza alla testa riducendolo in stato di coma. Il ferito è stato ricoverato presso il locale ospedale in prognosi riservata, mentre l'assalitore è stato tratto in arresto con l'accusa di lesioni gravissime.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.