Bruce Springsteen a San Siro, 1985: 35 anni fa la prima volta del Boss in Italia - LO SPECIALE

Fu l'inizio di una lunga e bellissima storia d'amore tra un grande artista e uno dei suoi pubblici più affezionati
Bruce Springsteen a San Siro, 1985: 35 anni fa la prima volta del Boss in Italia - LO SPECIALE

“Suono da quando ero un ragazzo e di posti ne ho visti. Ma questo è davvero speciale” 
(Bruce Springsteen sullo stadio Meazza di San Siro, Milano - Milano, 2013)

 

Ci sono coppie alle quali piace tornare, per festeggiare gli anniversari, sul luogo del primo appuntamento, dove nacque la magia di un legame capace di rimanere saldo per una vita. La storia d'amore tra Bruce Springsteen e il pubblico italiano ha una precisa data di nascita - la potete leggere nel titolo - e un relativo indirizzo, Piazzale Angelo Moratti, 20151, Milano. Lì, trentacinque anni fa, nacque un idillio, tra il rocker che di più americani non ce n'è - anche se il cognome della madre, Zirilli, tradisce origini tricolori - e uno di quei pubblici che tante volte viene indicato come "uno dei migliori del mondo" (adesso, pare, destinato a una tribolata dismissione), ma che per Bruce Frederick Joseph Springsteen speciale lo è davvero.


Il Boss - che l'Italia non l'ha mai dimenticata, negli itinerari dei suoi tour - a modo suo ci ha sempre tenuto a festeggiare gli anniversari organizzando serate nel luogo del primo incontro: è successo la prima volta nel 2003, poi nel 2008, nel 2012 e poi ancora nel 2013 e nel 2016. Sotto una pioggia torrenziale, o coi vigili ai cancelli, pronti a citare in un processo penale (ci credereste? eppure è successo) l'organizzatore dello show per un bis durato troppo a lungo. Ma non c'è ordinanza che possa stoppare la celebrazione di un amore: lo sa Springsteen, e lo sanno i suoi fan italiani, per i quali lo stadio Meazza di San Siro, a Milano, è qualcosa di più dello sfondo di un primo bacio, ma un tempio nel quale ripetere una liturgia, ogni volta come se fosse la prima.


Trent'anni fa il rocker del New Jersey salì per la prima volta su un palco italiano proprio in quella che le cronache sportive hanno consegnato agli annali come la Scala del calcio. Da allora di cose - dischi, concerti, nascite, nozze e funerali - ne sono successe, ma una cosa non è cambiata: oggi come allora, quando il Boss chiese, sulle note del medley tra "Twist & shout" e "Do you love me", "Prima di andarmene c’è una cosa che voglio sapere: mi amate?”, la risposta è - e sarà sempre - "sì".


Rockol ha deciso di celebrare l'anniversario della prima apparizione di Springsteen sulle scene italiane con un ricco speciale, fatto di ricordi di chi c'era - dentro e fuori lo stadio, immagini, filmati, cronache, statistiche e altro: un modo per rispondere, a modo nostro, alla domanda che - sul prato o sugli spalti del Meazza - potremmo sentirci ripetere infinite altre volte. E alla quale, ovviamente, daremo sempre la stessa risposta. Buona lettura!


Bruce Springsteen a San Siro, 1985: la cronaca del concerto, canzone per canzone  

Bruce Springsteen a San Siro, 1985: il concerto visto 'da fuori' (lo stadio)    

Bruce Springsteen a San Siro, 1985: 'Un 21 giugno che ti cambia la vita'   

Bruce Springsteen a San Siro, 1985: i video del concerto 

Bruce Springsteen a San Siro, 1985: le immagini 

Bruce Springsteen a San Siro, 1985: dieci tribute band italiane del Boss - VIDEO 

 

Scarica qui lo SPECIALE (del 2015) da conservare dedicato al primo concerto italiano di Bruce Springsteen

Dall'archivio di Rockol - I classici del rock: "Born in the USA" di Bruce Springsteen
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.