Moog Music, ai dipendenti il controllo del 49% della società

Moog Music, ai dipendenti il controllo del 49% della società

La Moog Music, azienda produttrice del celeberrimo sintetizzatore modulare iscritto a buon diritto (quasi) quanto la chitarra elettrica nella storia del rock (e al quale Rockol ha dedicato un corposo speciale in occasione del cinquantesimo anniversario dalla commercializzazione), ha ceduto ai propri dipendenti il 49% delle proprie azioni: l'operazione, ufficializzata dal proprietario della storica manifattura di Asheville, Nord Carolina, lo scorso martedì, prevede un fondo al quale potranno partecipare tecnici e impiegati - sessanta persone in tutto, ad eccezione del figlio di Adams, anche lui dipendente, al quale non verrà consentito l'accesso, che potranno scegliere le modalità della propria adesione.


Intervistato dal New York Times, Adams ha voluto chiarire la finalità dell'operazione:


"E' il mio piano pensione definitivo: stavo cercando un modo per ritirarmi, e questa è la mia exit strategy. Avrei potuto vendere l'azienda a un compratore strategico o a un marchio di abbigliamento. Ma credo che continuerà a crescere, e che tenere il 51% sia più che sufficiente"


Già il fondatore della società - e inventore dello storico sintetizzatore - Robert Moog sognava per la sua azienda una sorta di controllo da parte dei lavoratori stessi: Adams entrò come socio nel marchio nel 2002, quando la compagnia - ridotta a soli nove dipendenti, per giunta in arretrato di tre mensilità - stava vivendo uno dei suoi momenti di crisi peggiore. Successivamente, il pronto lancio sul mercato di un nuovo prodotto - il Minimoog Voyager - permise di ripianare in tempi relativamente brevi la situazione. Al 2015 la Moog Music vanta un incremento del fatturato medio del 185 circa costante da dodici anni a questa parte.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.