Eros Ramazzotti e Luca Barbarossa, scoppia la pace (ai Wind Music Awards)

Eros Ramazzotti e Luca Barbarossa, scoppia la pace (ai Wind Music Awards)

E' terminata nel migliore dei modi sul palco del corrispettivo italiano dei Grammy Awards l'attrito "calcistico" tra Luca Barbarossa e Eros Ramazzotti, che durante la "Partita del cuore" dello scorso 2 giugno erano stati protagonisti di un acceso diverbio culminato - a quanto pare - in gravi minacce lanciate dalla voce di "Portami a ballare" all'indirizzo del collega romano: complice il padrone di casa Carlo Conti, i due, trovatisi faccia a faccia sul palco installato nella celebre arena scaligera, hanno avuto modo di chiarirsi, riuscendo anche a scherzare sull'accaduto. "Sono cose che iniziano e finiscono in campo, l'importante è aver battuto i record di incassi da devolvere in beneficenza", ha dichiarato Barbarossa, al quale - ironicamente - ha fatto eco Ramazzotti: "La prossima volta, allora, ci meniamo sul serio...".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.