I dolori del (non più giovane) Jack White: 'Mi è passata la voglia di suonare ai festival. E Meg...'

I dolori del (non più giovane) Jack White: 'Mi è passata la voglia di suonare ai festival. E Meg...'

Probabilmente è stato colto in un momento di disillusione, magari l'epilogo di una semplice giornata storta, come ne capitano tante a tutti noi. In un botta e risposta con gli iscritti al Third Man Records’ Vault, programma della sua etichetta che garantisce ai soci un discreto numero di rarità, il già leader dei White Stripes è apparso stanco.

Che ci può stare, verso la fine del lungo e intenso tour promozionale della sua più recente fatica solista, "Lazaretto". Ma anche dubbioso, anzi, molto dubbioso sul suo futuro da punta di diamante del rock a stelle e strisce contemporaneo. Non che a Jack White sia passata la voglia di fare musica: più che altro, il cantante e compositore di Detroit adottato da Nashville pare ormai nauseato dalle dinamiche che una carriera di artista mainstream impone. I grandi eventi dal vivo, per esempio: White, dei festival, pare averne abbastanza.


"Vale ancora la pena [andare in tour]? Se guardo la metà dei concerti che ho fatto, preferirei non suonare dal vivo. Ai festival, per esempio. Ma devo cercare di dare il meglio e essere ispirato. E' dura quando la gente che organizza i grandi festival di fatto controlla la mia vita. Devo fissare delle date e accogliere offerte che non posso rifiutare, perché è un tour molto costoso. Purtroppo è così che la gente pensa che i musicisti facciano i soldi, oggi, ma è dura essere on the road, a prescindere da quanto tu possa essere grande. [Suonerei] solo in teatri con i posti a sedere, per il resto della mia vita"


E anche circa le attività in studio White pare non essere troppo entusiasta:


"Certe volte creare qualcosa in uno sgabuzzino e non pubblicarlo può avere i suoi vantaggi"


Con la sua ex compagna (di vita e di gruppo) Meg, con la quale condivise la prima, folgorante parte della sua carriera nei White Stripes, oggi il rapporti non sono molto stretti. Anzi, non ci sono del tutto:


"Non risponde più al telefono: ormai è andata..."


Una bella sventola - metaforicamente parlando - White l'ha assestata anche alla Grande Mela. Interrogato circa l'eventualità di una sua apparizione alla mostra che sua collega (nei Dead Weather) Alison Mosshart è in procinto di aprire a New York, il cantante e chitarrista a risposto:


"Vado a New York solo se sono costretto ad andarci, lì non c'è niente di speciale quando sei un creativo. E' un posto dove le persone sentono di aver visto e fatto già tutto: è molto difficile, per me, essere ispirato in un posto così"


C'è da preoccuparsi, quindi? Non esattamente: chiudendo il botta e risposta coi suoi fan - anche loro preoccupati, White è stato rassicurante:


"Non c'è niente che mi abbia fatto incazzare: sono io che certe volte mi convinco che la vita sia dura..."

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.