Cellulari ai concerti, una ricerca USA: 'Ai live i fan tra i 18 e i 34 anni passano almeno la metà del tempo con lo smartphone in mano'

L'ex batterista dei Ramones li chiamò senza troppi complimenti "stronzi", e per loro propose una soluzione tanto semplice quanto efficace, sebbene non eccessivamente diplomatica. Tanti suoi colleghi, più o meno graziosamente, hanno provato a dissuaderli, invitandoli a vivere il momento invece che improvvisarsi operatori e inviati (loro malgrado) non accreditati.


L'utilizzo di smartphone e tablet ai concerti negli ultimi anni ha conosciuto un incremento a dir poco esponenziale, che ha modificato radicalmente il paesaggio umano dei grandi raduni dal vivo: là dove una volta, specie in concomitanza con il cavallo di battaglia della band di scena - possibilmente un lento o al massimo un midtempo, erano solite sventolare le fiamme degli accendini, oggi è tutto uno sfarfallio di schermi di smartphone e tablet, prontissimi a catturare - anche per la felicità dei media, che non disdegnano affatto di attingere alla Rete per coprire eventuali curiosità - ogni mossa della star sotto i riflettori.


L'operatore di online ticketing californiano Ticketfly, tra i primi a sperimentare le potenzialità del mobile nell'ambito del live entertainment, ha commissionato una ricerca alla società Harris Poll inerente alle abitudini comunicative della propria clientela agli eventi musicali dal vivo, scoprendo quanti - solo empiricamente - già immaginavano da un pezzo: una buona parte della fetta più giovane dei frequentatori delle sale concerti passa più di metà del tempo ad armeggiare sul proprio dispositivo mobile.


I dati, riportati per esteso a questo indirizzo, parlano chiaro: ai concerti, il 31% degli spettatori tra i 18 e i 34 anni passa almeno la metà del tempo ad armeggiare sul proprio smartphone. Le operazioni non si limitano alla ripresa del brano o della sequenza, ma includono anche la scrupolosa segnalazione in tempo reale sui propri canali social. Il 40% delle ragazze ha dimostrato di essere più attiva dei coetanei di sesso maschile nello scattare fotografie e nel condividerle sulle proprie pagine personali, mentre solo il 23% degli intervistati ha dichiarato di utilizzare il proprio dispositivo mobile per raccogliere informazioni sull'artista o sul gruppo in azione sul palco. Decisamente più alta - attorno al 60% - è la percentuale di utenti disposti a utilizzare tablet o cellulare per accedere a beni (merchandise) o servizi (ristorazione, bevande) all'interno del luogo del concerto, al quale il 70% dei partecipanti al sondaggio accederebbe volentieri in modalità ticketless, ovvero grazie a un e-ticket inviato dalla società di distribuzione direttamente sul dispositivo mobile.

Music Biz Cafe, parla Andrea Micciché (NUOVOIMAIE)
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.