Wind e la musica: tour sponsorizzati in estate, in autunno un 'negozio' on-line

Gli onnipresenti spot TV con Anastacia ed Eros Ramazzotti (a proposito: il suo mini CD live in offerta esclusiva agli acquirenti delle ricariche telefoniche è già stato smerciato, pare, in centinaia di migliaia di copie) erano solo l’antipasto. Wind allarga la gamma e accelera il passo della sua offerta musicale, e lo fa su un doppio binario: prima “on field” (sul campo), sponsorizzando, con il marchio Libero iMusic Tour la bellezza di nove tour nazionali "top" in sinergia con il promoter Friends&Partners (Biagio Antonacci, Articolo 31, Claudio Baglioni, Luca Carboni, Tiziano Ferro, Irene Grandi, Fiorella Mannoia, Nek e Francesco Renga: 250 concerti circa in 150 località per un pubblico stimato in un milione di spettatori); e poi on-line, lanciando, in autunno, un “Libero iMusic Store” per l’ascolto e il downloading di brani digitali che promette attenzione speciale alla musica italiana, prodotti in esclusiva e un catalogo iniziale di circa 450 mila canzoni (le voci dell’ambiente danno per imminente anche il debutto di un “music shop” della Tim, per scaricare musica sul computer e successivamente sui telefonini).
Il tutto si lega alle due parole magiche del momento: convergenza e banda larga, cioè trasmissione di suoni, parole e immagini ad alta velocità su Internet (attraverso l’Adsl) e sul cellulare (con i-Mode e Umts). “Convergenza tra prodotti e servizi musicali, come clip, brani in download, suonerie, immagini, notizie; e convergenza tra piattaforme, mobile e Internet”, ha spiegato il direttore commerciale di Wind Fabrizio Bona illustrando i contenuti della nuova strategia societaria, ieri (15 luglio) a Milano. “Tanto che già l’anno prossimo si parlerà probabilmente di piattaforme uniche, per ascoltare musica e vedere videoclip sul pc e sul cellulare”. “E il futuro del broadband”, ha aggiunto il direttore marketing di Libero, Antonio Converti, “sta nei contenuti in circolazione libera e veloce non solo sul computer e sul telefonino, ma anche sul televisore di casa e sui cordless di nuova generazione: intendo servizi come video on-demand, pay TV e pc link, su cui noi stiamo già lavorando”.
Intanto, per stimolare l’utilizzo della banda larga e gli abbonamenti alla neonata piattaforma broadband di Libero su Internet, arrivano i nuovi contenuti a valore aggiunto: con la musica, appunto, a farla da padrone. “Stati Uniti e Gran Bretagna hanno evidenziato che con lo sviluppo della banda larga cresce anche l’offerta di servizi multimediali, e di musica in primo luogo”, dice ancora Bona, citando il caso di successo numero uno, l’iTunes di Apple. Sul nuovo portale a banda larga ci sarà musica dal vivo, immagini e suoni (più interviste agli artisti, con contributi forniti anche da Rockol) fruibili gratuitamente in streaming dai nuovi abbonati all’Adsl (per cui sono in palio anche biglietti omaggio ai concerti e pass per i backstage). Mentre sul “Music Store” gli uomini di Libero/Wind non nascondono le loro ambizioni: “Vogliamo diventare i numero uno, soprattutto per la musica italiana”. Difficile strappargli molte anticipazioni sui contenuti e le modalità di funzionamento del negozio prossimo venturo. Prezzi? “iTunes ha dimostrato che un prezzo ragionevole è la chiave del successo. Resta quello l’esempio da seguire: con case discografiche, artisti e manager stiamo lavorando per trovare il punto di equilibrio tra volumi e redditività.”. Tecnologia? “Non ci appoggeremo a nessun operatore o piattaforma preesistente: vogliamo garantire estrema facilità d’uso, completezza d’offerta, merchandising evoluto e velocità, perché musica e Internet significano velocità”. Per i dettagli, bisognerà attendere ancora qualche mese.
Dall'archivio di Rockol - I dieci migliori album del 1987
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.