Addio a Jack Ely, voce di 'Louie Louie' nella versione dei Kingsmen

E' morto Jack Ely, voce di "Louie louie" nella famosissima versione incisa dai proto-garagers Kingsmen nel 1963. Ely aveva 71 anni ed è mancato, come ha confermato il figlio Sean, nella sua casa di Redmond (Oregon, USA). Il motivo del decesso non è noto: il figlio ha spiegato che non è chiaro di che malattia soffrisse l'uomo, che per via della sua fede religiosa sembra avere sempre evitato analisi e cure specifiche; ha infatti dichiarato ad Associated Press:

Dato il suo credo religioso, non siamo nemmeno sicuri di che malattia si trattasse.

Jack Ely ha inciso coi Kingsmen "Louie louie" prendendo ispirazione dall'originale di Richard Berry (che aveva sonorità più calypso) e trasformandola in un vero inno: probabilmente la canzone più nota e coverizzata del secolo scorso.

A causa del testo e del cantato poco comprensibili, la cover dei Kingsmen divenne oggetto di un'indagine da parte dell'F.B.I., che temeva la presenza di oscenità impronunciabili e incitamento a comportamenti anti-americani in quelle parole. La leggenda vuole che la linea vocale così strascicata e incomprensibile sia dovuta al fatto che, lo stesso giorno in cui la band andò in studio a inciderla, Ely fosse stato dal suo dentista che gli aveva riaggiustato l'apparecchio dentale, stringendolo. Questo nuovo assetto, a cui il giovane non era ancora abituato, gli impediva di pronunciare le parole in maniera chiara. Il microfono, così, venne allontanato un po' dalla sua bocca per far sentire di meno la voce: da qui il risultato finale (che la band inizialmente disprezzava, ma ben presto si trasformò in un successo epocale).

Caricamento video in corso Link

Poco dopo la registrazione del pezzo Ely lasciò i Kingsmen; tentò però di tornare nella band quando "Louie louie" esplose, ma i suoi ex compari non ne vollero sapere. Lui cominciò così a suonare come Jack Ely and The Kingsmen, facendo concorrenza ai Kingsmen. Ma tutto durò poco, visto che "Louie louie" fu un classico caso di "one hit wonder" e né i Kingsmen, né Ely ebbero mai più un altro successo - o qualcosa di simile - con altri brani.

Ely, nonostante da molti decenni fosse scomparso dai radar degli appassionati di rock and roll, non aveva perso la passione per la musica e nel 2012 aveva pubblicato un disco gospel ispirato alle sue forti convinzioni religiose.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.