La storia di CCCP/CSI/PGR/Post-CSI in una playlist (e 1 mese gratis di Premium+ Deezer)

La storia di CCCP/CSI/PGR/Post-CSI in una playlist (e 1 mese gratis di Premium+ Deezer)

Ora si fanno chiamare Post-CSI, ma dietro questa sigla si cela un gruppo di musicisti che ha segnato la storia della musica italiana, attraverso diverse sigle e incarnazioni: e noi vi raccontiamo il loro percorso in 25 canzoni. Si parte con i CCCP e il "punk filosovietico”, che ha segnato gli anni ’80, passando per la loro incarnazione successiva, nata dopo la fine dell’URSS. Si fanno chiamare CSI (come il nome assunto dalla federazione di stati russi, dopo il crollo del muro di Berlino) e con Massimo Zamboni e Giovanni Lindo Ferretti c’è Gianni Maroccolo, bassista dei Litfiba e già nell’ultimo album dei CCCP, e Francesco Magnelli. I CSI durano per tutti gli anni ’90, arrivando anche in classifica, fino al litigio tra Ferretti e Zamboni, che porta all’uscita di quest’ultimo (che lavora da solista e con Angela Baraldi( e alla nascita dei PGR (in cui ci sono anche Ginevra di Marco e Giorgio Canali). Ferretti prende un’altra strada personale e musicale, lavorando come solista, e un paio di anni fa il nucleo dei CSI si riforma con il suffisso “Post”, con Angela Baraldi alla voce. “Breviario partigiano”, il loro album dedicato alla resistenza, è appena uscito. 

Potete ascoltare la playlist qua sotto, o nella nostra nuova pagina. Da questa playlist potete riscoprire tutta le discografie di questi gruppi e un catalogo di 35 milioni di canzoni che non si limita certo alle ultime uscite. Deezer ha pronta un'esclusiva offerta per i nostri lettori: un mese di abbonamento Deezer Premium+ (desktop, mobile, tablet e offline), completamente gratuito.

Buon Ascolto!

ROCKOL TI REGALA UN MESE DI DEEZER PREMIUM+: CLICCA QUI PER ACCEDERE




 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.