Da riscoprire: la storia de "La pianta del tè" di Ivano Fossati

Da riscoprire: la storia de "La pianta del tè" di Ivano Fossati

Ci sono quattro fasi nella carriera di Ivano Fossati: la terza è, per certi versi. la più importante. Dagli inizi con i Delirium, il cantautore genovese passò, tra fine anni ’70 e primi ‘80, ad una fase in cui la sua banda suonava il rock, come diceva la famosa canzone e l’altrettanto famoso album; una fase influenzata dalla musica anglosassone. La quarta fase è quella di una lunga maturità artistica, che inizia nella metà degli anni ’90 e si conclude con il ritiro di un paio di anni fa. Ma è appunto nella terza fase, che inizia a metà degli anni ’80, che costruisce appieno l’edificio della sua musica. Un edificio che si innalzerà ancora di più nell’ultimo periodo e basato sulle fondamenta rock della prima fase, ma portate in un’altra direzione, quella delle musiche del mondo. E il capolavoro di questa terza fase, nonché uno dei capolavori di tutta la carriera di Fossati, è “La pianta del tè”, del 1988.

E’ a partire dal 1986 che Fossati vira decisamente sulla dimensione cantautorale, ma lo fa a modo suo. I primi anni ’80 della musica italiana sono  quelli, in cui la scuola del cantautorato classico dà il suo meglio attraverso la contaminazione. Gli anni di “Nero a metà” di Pino Daniele (1980), gli anni di “Creuza de mà” (1984) di DeAndré. Anche Fossati inizia a scrivere già in maniera diversa con “700 giorni” (1986), a usare suoni etnici e ad aprirsi alla world music, come in “Buontempo” o “I cieli d’Irlanda”, iniziando a lavorare con Allan Goldberg, che aveva prodotto i dischi di  Daniele e fatto da ingegnere del suono del duo Pagani/De André per lo storico disco.
Questo lavoro trova compimento in “La pianta del té”, disco inciso tra il 21 settembre '87 e il 10 gennaio ’88, sempre con Goldberg. E il lavoro sui suoni che contraddistingue l’album lo si capisce già dalla scelta dei musicisti. C’è Elio Rivagli, suo storico batterista, ma anche Beppe Quirici, conosciuto nel 1979 e che lo accompagnerà fino alla sua scomparsa nel 2009. Ma c’è soprattutto l’arpa celtica di Vincenzo Zitello, nonché il “quena” del musicista andino Una Ramos, il cui suono è una delle prime cose che si sentono nel disco, nella prima parte della title-track, nonché quello che segna i momenti migliori dell’album.

Le esplorazioni di Fossati continuano subito dopo con il quasi-reggae di “Terra dove andare”, dove il ritmo in levare non è fatto dalla chitarra ma dalla fisarmonica, con la sei corde che invece tesse ritmi quasi africani. E’ una delle tante canzoni del disco destinate a rimanere dei classici del repertorio di Fossati, assieme a “La volpe”, cantata con Teresa De Sio, alla delicata “L’uomo con i capelli da ragazzo”, che riprende le atmosfere di “Una notte in Italia” dal disco precedente.

C’è soprattuto “Questi posti davanti al mare”, summa della poetica di Fossati e cantata assieme a DeGregori e a DeAndré, una sorta di triumvirato della canzone d'autore italiana che si unisce per una delle canzoni più belle della carriera di tutti e tre. Quello con DeAndré è il primo episodio di una collaborazione che si ripeterà nel 1990 per “Le nuvole” e che sarebbe dovuto diventare un disco comune. Il progetto si trasfomerà in “Anime salve”, scritto a quattro mani ma uscito nel 1996 solo a nome di DeAndré. Nel disco c’è spazio anche per una rivisitazione della canzone più profonda e viscerale di Fossati, “La costruzione di un amore”, ma il vero punto focale del disco rimane proprio la title-track, sia nella versione cantata che nella seconda parte strumentale, che mette in gioco tutti i suoni etnici e la voglia di sperimentare del Fossati di questo periodo. Una sperimentazione mai fine a se stessa, ma sempre al servizio della Canzone con la "C" maiuscola: questa è la grande eredità di questo album, una vera pietra miliare del cantautorato italiano.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/k_vmhIWVnKTIZyu90BrwCD7xiVA=/700x0/smart/rockol-img/img/foto/upload/ivano-fossati-la-pianta-del-te.jpeg

"La pianta del tè" di Ivano Fossati è disponibile su Legacy Recordings. Sul sito dedicato all’immenso catalogo italiano e internazionale di Sony Music, puoi scoprire tantissime news, curiosità e promozioni dal mondo della musica. Un archivio con tutti i protagonisti, la loro discografia e l’opportunità di pre-ascoltare moltissimi brani. 
La rubrica settimanale Legacypedia, poi, ti permette di esplorare a fondo album e brani che hanno fatto la storia della musica. Per rimanere sempre aggiornato, iscriviti alla newsletter.

 
 

Dall'archivio di Rockol - racconta Giorgio Gaber
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.