Concerti, Caetano Veloso e Gilberto Gil insieme per quattro live italiani a luglio

Concerti, Caetano Veloso e Gilberto Gil insieme per quattro live italiani a luglio

“Two friends, a century of music”, questo è il nome del tour che Caetano Veloso e Gilberto Gil, due giganti della musica brasiliana, porteranno per ben quattro volte sui palchi italiani.

I quattro concerti, che vedranno i due artisti sul palco insieme per l’intera durata del set, avranno luogo il 10 luglio al Festival Area dei Beni Comuni di Chieri (To), l’11 luglio al Festival di Villa Arconati a Bollate (Mi), il 17 luglio saranno a Perugia nell’ambito dell’Umbria Jazz 2015 e, in chiusura, il 19 a Udine.

A 21 anni di distanza, era il 1994 quando intrapresero il tour “Tropicalia due”, il 72enne fratello di Maria Bethania e l’ex ministro della cultura brasiliano torneranno ad esibirsi assieme.

Caetano Veloso e Gilberto Gil si sono incontrati per la prima volta a Salvador di Bahia, e da quel giorno dei primi anni sessanta, oltre cinquanta anni fa, sono diventati buoni amici.
Ecco cosa pensano l’uno dell’altro.
Iniziamo dal pensiero di Caetano Veloso su Gilberto Gil: “Gil è un grande inventore che non deposita i brevetti. Esercita il suo grande talento con fin troppa modestia, e il suo disprezzo innocente verso la sua stessa grandezza sono due facce di una luna mezza nera e mezza nascosta, che è la sua stessa musica. Ciò che capisco di Gil ad oggi: per lui, essere un musicista è sempre stato qualcosa di ordinario, un’indole innata che non gli ha mai richiesto troppo lavoro. Vuole discutere di ciò che circonda la musica; insieme ai suoi colleghi, vuole studiare una strategia politica di interferenza all’interno del mercato, col risultato di “deprovincializzare” e modernizzare il Brasile. Inoltre, Gil una volta ha dichiarato che, invece di affinare la sua percezione armonica, avrebbe preferito suonare le percussioni”.

Questo invece il giudizio di Gilberto Gil su Caetano Veloso: “Con Caetano è sempre un alternarsi di momenti emozionanti e momenti più da ‘guerriero’. Sempre teso al raggiungimento collettivo dello stato Zen e della completa felicità del pianeta. Con Caetano è sempre stato un affrontare la vita così com’è, indipendentemente dal fatto che ci si trovi in un viaggio aereo o in un rituale Candomblé, che sia essa espressione di civiltà o della mentalità selvaggia. Con Caetano è sempre stato amore e amicizia”.

Guarda qui il concerto madrileno del 14 luglio 1994 di Caetano Veloso e Gilberto Gil:

Caricamento video in corso Link

 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.