Reunion dei Guns N' Roses, la prima manager ci crede: 'Potrei convincerli a farlo'

Reunion dei Guns N' Roses, la prima manager ci crede: 'Potrei convincerli a farlo'

Dove non sono riusciti ad arrivare gli ingaggi milionari, gli alti papaveri della Rock and Roll Hall of Fame e - ancora di più - le centinaia di migliaia di fan sparsi ai quattro angoli del globo potrebbe arrivare lei. O, meglio, ha detto di poterci arrivare, se solo ne avesse la possibilità. Il suo nome è Vicky Hamilton, oggi cinquantasettenne autrice di musical ma con un robusto curriculum discografico alle spalle: dopo aver iniziato come commessa in un negozio di dischi a Fort Wayne, Indiana, la Hamilton, diventata nel frattempo giornalista musicale, dopo una chiacchierata con Tom Petty si convinse a trasferirsi a Los Angeles, California, dove iniziò a introfularsi nell'ambiente lavorando come cameriera in una pizzeria prospiciente il leggendario rock club Whisky a Go Go. La sua carriera, negli anni a seguire, fu tutta in salita, ma fu prima di entrare stabilmente nel giro della discografia che conta che alla donna riuscì il colpo della vita: chiamata a curare gli interessi degli Hollywood Rose, band nella quale militavano gli allora sconosciuti Axl Rose e Izzy Stradlin, alla Hamilton venne l'idea di presentare ai suoi nuovi clienti il chitarrista di un altro gruppo da poco entrato nel suo roster, i Black Sheep, dove l'addetto alla sei corde era un tale Saul Hudson, che come nome d'arte aveva scelto Slash, il quale di lì a poco - dopo la defezione del chitarrista degli Hollywood Rose - insieme a Axl e Izzy, con Steven Adler alla batteria e Duff McKagan al basso, avrebbe dato vita alla prima, leggendaria, formazione dei Guns N' Roses.

La Hamilton riuscì a farli suonare ovunque, nella megalopoli californiana: gli procurò un avvocato, e riuscì persino a convincere un negoziante di strumenti, Howie Hubberman, a investire nel gruppo 25mila dollari in attrezzature, vestiti e session in studio. Il più era fatto: qualche mese dopo la band firmò per la Geffen Records per dare alle stampe il disco di debutto, "Appetite for destruction", e a lei fu procurato un posto da talent scout presso la stessa major. Da allora, le loro carriere di separarono.

Arrivata alla soglia dei sessanta, la signora ha deciso di mettere mano alle penna per raccontare l'epopea che la vide co-protagonista con un volume, "Appetite for dysfunction" - ogni riferimento è tutto meno che casuale - oggetto in questo periodo di una campagna di crowdfunding per una futura pubblicazione. Il Daily Mail l'ha intervistata e lei, senza battere ciglio, si è detta pronta nell'impresa impossibile di mettere pace tra Axl e Slash:

"Certe volte penso che se mi trovassi con Axl e Slash da sola, in una stanza, riuscirei a sistemare il loro rapporto. C'è differenza nel modo in cui ti rapporti a qualcuno se ci cresci insieme. Loro sanno che li amo per quello che sono. Li amavo anche quando non erano nessuno. (...) Li ho aiutati a trovare la loro strada: chi poteva immaginare che sarebbero arrivati dove sono quando vivevano in una sala prove, scaldandosi con un falò e facedo Dio sa cosa?" 

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
Bob Dylan
Scopri qui tutti i vinili!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.