Chi di spada ferisce... Prince nei guai per violazione di copyright

Chi di spada ferisce... Prince nei guai per violazione di copyright

C'è un retrogusto di beffa, in quanto sta accadendo a Prince, da sempre paladino della tutela del copyright e grande detrattore di Internet. Il talentuoso chitarrista e cantante di Minneapolis, infatti, è ora al centro di una vicenda con risvolti giudiziari proprio legata alla violazione delle leggi sul copyright - e la cosa buffa è che è lui a esserne accusato.

Stando a quanto riportato dal sito specializzato in gossip e scandali TMZ, Prince è accusato di avere distribuito illegalmente (e gratis) un album di una nuova e giovane cantante statunitense: Judith Hill, proveniente dal bacino dei talent show (partecipò nel 2013 all'edizione made in USA di "The voice").

La Hill, dopo l'apparizione nello show televisivo, aveva incassato l'interesse di Jolene Cherry - la produttrice che in pratica ha scoperto Lady Gaga; a quanto pare la Cherry avrebbe legato a sé Judith con un contratto esclusivo.

Pochi mesi fa, però, la Hill è entrata in studio con Prince per incidere dei brani insieme - il tutto contro il volere della Cherry. Da queste session è scaturito addirittura materiale per un intero album, che esula, ovviamente dal contratto già firmato... e qui iniziano i problemi. Prince, infatti, tramite la newsletter di Live Nation, ha inviato una mail con un link per scaricare questo disco (intitolato "Back in time") in free download. Questo ha fatto imbestialire la produttrice, che reclama l'esclusiva del contratto firmato dalla Hill e non tollera di essere stata estromessa.

Ora Jolene Cherry, in particolare, chiede un risarcimento per il danno provocato da Prince con questo gesto. La produttrice, inoltre, sostiene che la Hill avrebbe addirittura preso i brani già imbastiti e li avrebbe consegnati a Prince per lavorarci insieme. E scrive, stando a quanto riportato da "Rolling Stone USA":

Il primo disco di Judith Hill - "Back in Time" - è uscito, ma invece di festeggiare insieme a lei, le persone che hanno investito centinaia di migliaia di dollari per far crescere la sua carriera e incidere l'album, e hanno lavorato per preparare l'uscita del suo debutto (per non parlare dei coautori dei pezzi), sono seduti in disparte ai lati, a guardare Prince che regala in giro il frutto dei loro investimenti.

L'impressione è che Prince sia finito in mezzo a una faccenda complessa e compromessa, in essere fra la Hill e la Cherry (i rapporti fra le due, a quanto pare, erano in pratica ormai inesistenti e il supposto contratto di esclusiva - secondo il legale della Hill - non sarebbe più valido da tempo, ossia da quando è sfumata la possibilità di incidere per Sony, che inizialmente avrebbe dovuto far debuttare l'artista).

Dall'archivio di Rockol - "Sign o' the times" di Prince: 5 curiosità sull'album e il tour
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.