Rockol - sezioni principali

NEWS   |   Industria / 15/07/2004

iTunes: vicino l'accordo con le indies europee?

iTunes: vicino l'accordo con le indies europee?
Mentre celebra il simbolico traguardo dei 100 milioni di canzoni scaricate dai siti iTunes Music Store (il fortunato centomilionesimo cliente, un ventenne del Kansas di nome Kevin Britten, ha ricevuto in omaggio un computer PowerBook, un iPod da 40 GB e un buono acquisto per 10 mila brani digitali), Apple sembra finalmente sul punto di trovare un accordo con le maggiori etichette indipendenti europee.
Le indies del Vecchio Continente (vedi News) hanno bloccato finora l’autorizzazione alla vendita dei loro cataloghi nei negozi digitali Apple di Gran Bretagna, Francia e Germania sostenendo di essere svantaggiate, nelle clausole contrattuali, rispetto alle major dai prezzi imposti dalla Apple (99 centesimi di euro a canzone, 0,79 sterline in Inghilterra). Ma ora, secondo quanto riporta il Times, la vertenza sarebbe sul punto di risolversi, tanto che un annuncio ufficiale è atteso a giorni. Anche negli Usa, i prezzi dei download (e di riflesso le condizioni contrattuali) proposti da Apple hanno provocato qualche malumore tra le case discografiche: il presidente della società di Cupertino, Steve Jobs, ha tuttavia ribadito nel corso di recenti interviste (vedi News) di non avere alcuna intenzione di aumentare le tariffe del downloading.