Stati Uniti: 'OK computer' dei Radiohead, 'The Doors' dei Doors e 'The miseducation of Lauryn Hill' dichiarati patrimonio culturale

Stati Uniti: 'OK computer' dei Radiohead, 'The Doors' dei Doors e 'The miseducation of Lauryn Hill' dichiarati patrimonio culturale

L'album del 1997 che permise alla band di Oxford di consacrarsi definitivamente nel pantheon rock internazionale è stato scelto dai responsabili della Libreria del Congresso statunitense per essere inserito nel National Recording Registry, archivio gestito dal governo di Washington che annualmente seleziona venticinque titoli da preservare in quanto patrimonio culturale: insieme al terzo disco dei Radiohead, quest'anno verranno insigniti di tale riconoscimento anche il disco di debutto di Lauryn Hill, "The miseducation of Lauryn Hill", l'omonimo album dei Doors del 1967, il singolo del 1964 dei Righteous Brothers "You’ve lost that lovin’ feelin’", "Stand!", album dei Sly and the Family Stone del 1969, il singolo del pilastro del blues Blind Lemon Jefferson “Black snake moan”/“Matchbox blues”, “Stand by me”, arcinoto brano del '61 di Ben E. King (che l'anno successivo fu "italianizzato" da Adriano Celentano con "Pregherò") e l'omonimo album del 1960 di Joan Baez.

Tutte le opere selezionate - giunte quest'anno a quota 425 dall'anno di fondazione dell'istituzione, il 2002 - verranno preservate a beneficio dei posteri presso il Packard Campus for Audio Visual Conservation di Culpeper, in Virginia: requisito fondamentale perché un'incisione venga presa in considerazione - oltre alla "rilevanza storica, culturale ed estetica" della stessa - è l'"età", vale a dire dieci anni dalla data di pubblicazione.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.