Meno musica, più film negli scambi on-line: lo rivela una ricerca internazionale

Una notizia buona e una cattiva, per chi perde il sonno a causa del file sharing e incrocia le dita sperando nel successo della musica digitale “legale”.
Fino ad oggi i file contenenti canzoni e brani musicali compressi hanno rappresentato la merce più desiderata, scambiata e scaricata dagli utenti di Internet. Ma tra non molto, secondo uno studio appena pubblicato dalla Organization for Economic Cooperation and Development, potrebbe non essere più così: già nel 2003, assicurano i ricercatori che hanno raccolto e analizzato i dati, il pubblico della rete ha scaricato meno musica per dedicarsi ai film e a file di altra natura, dai programmi software al materiale pornografico.
L’organizzazione internazionale tiene d’occhio quel che accade nei 30 maggiori paesi industrializzati che ne fanno parte, e ha rilevato che il file sharing musicale, responsabile nel 2002 del 62,5 % degli scambi e delle condivisioni on-line, è sceso a rappresentare il 48,6 % del traffico complessivo nell’anno successivo. In corrispondenza con la diffusione delle connessioni a banda larga che assicurano trasferimenti più veloci di “pacchetti dati” più pesanti, risultano invece in crescita gli scambi di materiale video, dal 25,2 al 27 %. Soprattutto in Europa, dove gli utenti tedeschi, francesi, inglesi, scandinavi e italiani di siti come KaZaA hanno scaricato più film dalla rete dei loro equivalenti statunitensi: dati, questi ultimi, compatibili con quelli di una recente ricerca della Motion Pictures Association of America secondo cui un utente Internet su quattro, in Usa, si è già procurato sul Web almeno un film completo in barba alle norme sul copyright.
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.