Comunicato Stampa: Gli Après La Classe in concerto questa sera al 'Festival delle colline'

La redazione di Rockol non è responsabile del contenuto di questa notizia, che è tratto da un comunicato stampa. Artisti, etichette e aziende che vogliono rendere note le proprie iniziative attraverso la pubblicazione di un loro comunicato stampa in questa sezione possono indirizzare una e-mail a presskit@rockol.it. La pubblicazione dei comunicati è a discrezione della redazione.

XXV FESTIVAL DELLE COLLINE 23 GIUGNO-16 LUGLIO 2004 XXV edizione

Lunedì 12 luglio 2004 - ore 21,30 Piazza Duomo – Prato

APRES LA CLASSE
In concerto

Sono giovanissimi, intrecciano ritmi reggae e “pizzica” salentina e a detta della critica sono tra le rivelazioni della nuova scena musicale italiana.
Stiamo parlando ovviamente di Apres la Classe, la formazione di scena lunedì 12 luglio in piazza Duomo a Prato – ore 21,30 - una serata di musica e allegria promossa dall’Assessorato alla Cultura del Comune di Prato (Prato Estate 2004) e dal Festival delle Colline 2004. Il Festival delle Colline continua mercoledì 14 luglio, alla Villa Medicea di Poggio a Caiano con il jazz raffinato di Amalia Grè, venerdì 16 gran finale al Centro Pecci di Prato con il David Murray Creole Project.

Gli Après La Classe sono salentini in tutto e per tutto e la loro vita, come la loro musica, è la rappresentazione di quell’ unico storico e culturale che è la terra da dove provengono. Hanno iniziato diversi anni fa a produrre musica, quando alcuni di loro erano ancora abbastanza lontani dal raggiungimento della maggiore età .. hanno percorso la loro via senza fretta, con la consapevolezza di chi sa di dover fare una lunga strada per arrivare al cuore di chi ascolta e vive la musica. Di chi sa che dovrà faticare un po’ di più del normale per far accettare il proprio contagioso entusiasmo, quasi che ciò non fosse, già in partenza, una virtù da mostrare senza pudore. E’ questa, proprio questa, è la forza di gente come gli Après La Classe. Si sono dati il tempo per poterlo fare, con una saggezza d’altri tempi, virtù generalmente da demandare ad altre età. Con calma hanno forgiato il loro suono ed uno stile proprio, attenti a quanto di eccitante e coinvolgente proveniva da quel mondo che molti prima di loro, spinti dal bisogno, hanno provato a saggiare, a vivere, a respirare … ma capaci, orgogliosi e consci di aver anche loro qualcosa di buono da offrire.
Il loro primo album, eponimo, uscito nel 1992 per la Edel, conteneva in nuce tutto quello gli Alc sono ora. All’interno una divertente rilettura di Ricominciamo, firmata da un ‘singolare’ salentino (Adriano Pappalardo)ed un pugno di tradizionali, Lu rusciu te lu mare, Kalinifta (in grico salentino), assieme ad altre composizioni ha dato loro la possibilità di farsi conoscere ed apprezzare nel resto d’Italia … ma certamente più del disco, bello ma non privo di ingenuità, hanno potuto gli oltre 120 concerti in 15 mesi – In alcune città italiane, in certi club della penisola, Après La Classe è sinonimo di festa fino all’alba e gaia allegria -
Ora un nuovo album in dirittura d’arrivo, dove le intuizioni felici di un tempo sono divenute realtà tangibilissime di una peculiarità a loro riconosciuta oramai anche in casa d’altri perché, ormai, il Salento è la culla e il luogo dove tornare ma il mondo è divenuto la loro casa. La band è cresciuta in raffinatezza, potenza ed eclettismo. Le canzoni del disco sono vivaci quadri contenenti le speranze e le paure di tanti ma permeati del vigore di chi sente la forza dentro di sé e soprattutto un inguaribile ottimismo di vita.
Liriche indissolubili da un afflato sonoro che le sa rappresentare, rinvigorirne i concetti, arrotondarne gli spigoli, liriche che anche quando son disincantate (niente temini per cuori infranti di pseudocantanti sanremesi, qui) temono di perdere l’ironia che le àncora alla terra e contestualmente al sogno. Il sogno di una terra che vuole rimanere sé stessa aprendosi, come sempre, ad un mondo che ama. Questi sono i salentini, questi sono i ragazzi che hanno scelto il nome di Après La Classe. Gli Après, per facile ossimoro, sono cambiati e sono ancora, sempre più profondamente, loro stessi Non c’è nessun gruppo in Italia e nel mondo come gli ALC. Portano il dna della vita nel loro sangue che scorre lieto e poderoso in canzoni che intelligentemente omaggiano padri nobili ma che risultano, alla fine, inevitabilmente loro proprie -
La loro punkchanka è un’insperata miscela di ingredienti calibrati da un cuoco che sa il fatto suo, dove tutto ha un sapore naturale e speziato ma al contempo morbido e seducente … è facile immaginare concerti come feste, ove l’invettiva non è mai lo slogan e dove l’umanità della proposta viene sempre a galla, dove l’energia non è mai distruttiva e rende indimenticabile serate fatte di canzoni sempre più belle e mature
Gli Apres sono tornati, ora anche più accattivanti e sfaccettati … le difficoltà li han resi più capaci, semmai ce ne fosse stato bisogno, di confrontarsi con un mondo nevrotico, disattento e la facilità con la quale sanno parlare al cuore, alla mente ed alle gambe di chi li ascolta, anche distrattamente, li rende unici -
Gli Après sono tornati, sono cambiati rimanendo eguali. Non si sono persi per strada e non hanno dato ascolto che al loro cuore. Il gioco è serissimo, c’è riso e ghigno e discussione intensa, il nuovo lavoro degli Après è una vera dichiarazione d’amore verso la vita. Noi li abbiamo attesi con tranquilla trepidazione … ed ora siamo, finalmente, tutti pronti per iniziare allegre danze che sanno di nuovo e d’antico.

Inizio spettacoli ore 21,15 info 0574 5317

Dall'archivio di Rockol - Virtual Time, 'Waves Are Calling' #Nofilter per Rockol
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.