Whitney Houston, la figlia Bobbi Kristina risvegliata dal coma (ma ha crisi epilettiche)

Whitney Houston, la figlia Bobbi Kristina risvegliata dal coma (ma ha crisi epilettiche)

Risvegliata temporaneamente dai medici dal coma farmacologico a cui era stata indotta al momento del suo ricovero in ospedale (dopo che era stata ritrovata prima di sensi nella vasca da bagno della sua abitazione - "Sotto l'effetto di droghe", riportano alcune fonti anonime), con l'intenzione di vedere se le sue condizioni di salute fossero migliorate, la figlia della compianta popstar di Newark, Bobbi Kristina, ha avuto alcune violente crisi epilettiche ed è stata nuovamente indotta in coma farmacologico. Le sue condizioni restano dunque critiche: Bobbi Kristina, lo ricordiamo, è attaccata ad un macchinario dagli inizi di febbraio. Lo scorso 5 febbraio un testimone oculare ha affermato che la figlia di Whitney Houston è morta cerebralmente.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.