Concerto del Primo Maggio 2015, parla l'organizzatore: 'Riporteremo a Roma la musica del paese reale. E i grandi ospiti internazionali'

Concerto del Primo Maggio 2015, parla l'organizzatore: 'Riporteremo a Roma la musica del paese reale. E i grandi ospiti internazionali'

Rappresenterà un nuovo inizio, per il raduno apripista delle estati live all'aperto italiane, l'edizione 2015 del Concerto del Primo Maggio di piazza San Giovanni, a Roma: dopo quindici anni di gestione affidate allo storico patron Marco Godano, le tre sigle sindacali promotrici dell'evento hanno scelto di passare il testimone a Massimo Bonelli, già coordinatore del concorso per gruppi emergenti legato all'edizione 2014 del "concertone", che con la sua società iCompany - e con il supporto di Ruvido Produzioni - terrà il timone del "nuovo" Primo Maggio musicale capitolino.

"Crediamo in un concertone che porti la musica del paese reale sul palco di piazza San Giovanni", ci spiega Bonelli, raggiunto mentre pone gli ultimi tocchi all'avvio della macchina dell'evento: "Quella musica che nasce dagli anni di gavetta, dai chilometri macinati sui furgoni stipati di strumenti, non in quella fatta piovere dall'alto dalla TV e dalle multinazionali". Sarà difficile, quindi, vedere qualche nome legato ai talent show calcare le assi romane, la prossima festa dei lavoratori. "Non critico nessun tipo di percorso, tanto meno i talent", rilancia Bonelli: "Solamente, la nostra è un'esperienza maturata battendo altre strade, che sono quelle che intendiamo continuare a percorrerre. Non abbiamo preclusioni di nessun tipo: gli artisti che chiameremo a esibirsi saranno di incontestabile valore. E il nostro sarà un approccio non funzionale al mercato, perché siamo convinti che, per determinate occasioni, il mercato debba necessariamente venire dopo". Ponte aperte, anzi spalancate, a un'eventuale collaborazione con "l'altro" Primo Maggio musicale, quello inaugurato lo scorso anno a Taranto: "Impossibile che loro sappiano di questa nuova gestione del concertone di Roma, dato che abbiamo firmato l'accordo solo qualche giorno fa: la nostra intenzione, sicuramente, è quella di instaurare un dialogo costruttivo, e - perché no? - una collaborazione. Non vogliamo fare concorrenza a nessuno".

Un gradito ritorno, per gli spettatori - televisivi e non - sarà quello dei grandi ospiti internazionali, assenti (per un set "in proprio") dal palco di piazza San Giovanni dal 2010, quando a occupare la scena fu Paolo Nutini: "I tempi sono piuttosto stretti, per assemblare il cast dei sogni è tardi", osserva Bonelli, "Tuttavia siamo già in trattativa con diversi nomi, che presto verranno svelati. In ogni modo l'accordo che abbiamo per organizzare il concerto è triennale: quest'anno l'incombenza ci ha preso all'ultimo momento, ma per il futuro inizieremo a lavorare già dal 10 maggio, per non farci sfuggire alcuna occasione".

Coadiuvato dal giornalista - e già parte del comitato organizzatore del Primo Maggio per le passate edizioni - Gino Castaldo ("Un amico per il quale nutro una grandissima stima professionale, che ho voluto accanto per un'esperienza così importante") Bonelli ha riconfermato anche per quest'anno il concorso rivolto ai gruppi emergenti, battezzato per l'edizione 2015 1MNext: "L'ho già gestito lo scorso anno [quando l'organizzazione dell'evento generale era ancora appaltata alle società facenti capo a Godano]: è una cosa sulla quale puntiamo molto. Ci piacerebbe che un'opportunità del genere non si limiti a rappresentare solo una vetrina, ma possa essere una vera e propria rampa di lancio - come è successo per i Kutso, ospiti a Roma nel 2014 e finiti in gara nella sezione Nuove Proposte del Festival di Sanremo 2015 - verso la costruzione di una carriera solida e duratura".

I primi nomi degli artisti confermati all'edizione 2015 del Concerto del Primo Maggio verranno rivelati nel corso di una conferenza stampa che avrà luogo a Roma (contrariamente a quanto pareva in un primo momento) il prossimo 19 marzo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.