The Voice, Pelù attacca la Universal: 'Tafazzismo criminale'

 The Voice, Pelù attacca la Universal: 'Tafazzismo criminale'

Polemica a margine della conferenza stampa di presentazione della terza edizione di The Voice, svoltasi questa mattina a Milano, di cui vi renderemo conto a breve. Piero Pelù ha attaccato la Universal Music, la casa discografica che collabora al programma offrendo al vincitore un contratto discografico. Il cantante dei Litfiba ha parlato di “tafazzismo criminale della casa discografica, che non segue i talenti usciti da The Voice” e racconta di avere scritto una canzone, “Rimedio”, per Giacomo Voli, concorrente secondo classificato della scorsa edizione: “La casa discografica non si è neanche degnata di chiamarlo. Spero che quest’anno cambi, che rispetti i valori di questo programma, oppure si faccia da parte, perché esistono etichette indipendenti. Questo è un vero programma musicale, con dei valori: c’è una band che spacca, si lavora sugli arrangiamenti”.

“Per questa edizione, mi aspetto che la Universal si dia una mossa, nel capire e nel valorizzare la quantità paurosa di talenti vocali e artistici che passano per questo programma. Il mio obbiettivo per questa edizione sarà di rompere i coglioni alla Universal perché facciano qualcosa, non solo con il primo, dal momento che con il primo sono obbligati ad avere un contratto, ma anche per tutti gli altri”, ha poi ribadito nella nostra videointervista, che pubblicheremo tra poco.

Lo scorso novembre la Universal ha pubblicato “Sister Cristina”, l’album di debutto di Suor Cristina Scuccia, trionfatrice della seconda edizione. 

Rockol ha contattato Alessandro Massara, presidente di Universal Music Italia, per una replica, di cui vi renderemo conto non appena la riceveremo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
13 nov
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.