Sanremo 2015, Enrico Ruggeri in sala stampa

Sanremo 2015, Enrico Ruggeri in sala stampa

Con la padronanza di queste situazioni che gli è consueta, è il cantautore milanese a prendere la parola prima ancora che gli siano rivolte domande:
"Buonasera, buon lavoro, è un piacere ritrovarvi qui. Vengo a cantare una canzone che ho finito di registrare pochi giorni fa: si intitola 'Tre signori' e vi si ipotizza l'esistenza di un luogo del pensiero, che potremmo chiamare Paradiso, dove si trovano due signori - Giorgio Gaber e Enzo Jannacci - che accolgono l'arrivo del terzo che si chiama Giorgio Faletti. La canzone - la sentirete - non ha nulla di lugubre: è sorridente, perché in questo non luogo i tre signori si prendono e ci prendono in giro, e guardano, ancora più dall'alto di quand'erano vivi, le nostre umane miserie, con l'intelligenza e il sarcasmo che è stato proprio della loro vita.
Sono grato a Carlo Conti per l'ospitalità e per questa partecipazione che mi onora: la canzone non è un 'singolo', perché di questi tempi parlare di singoli e di vendite di dischi è fuori luogo. Il Festival di Sanremo è un posto che fra grandi momenti e grandi episodi di cialtroneria ha ospitato tutti e tre i miei 'signori', e quindi è il posto adatto per ricordarli e salutarli".


E' vero che "Tre signori" pezzo sarebbe potuta essere in gara in questo Festival? "C'era in origine questa idea; poi io ero veramente in ritardo per la realizzazione del brano, che comunque ho pensato che non fosse adatto ad entrare in competizione con altre canzoni. Comunque è andata benissimo così, sono contento di far conoscere la canzone in questo modo. Credo che l'intento di onorare le persone che ci hanno lasciati sia apprezzabile, da parte di questo Festival".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
FRANCESCO DE GREGORI
Scopri qui tutti i vinili!
25 ott
Scopri tutte le date

© 2019 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini fotografiche rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, quindi, libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.