Grammy Awards 2015: Beck vince anche il premio 'Album of the year'

Grammy Awards 2015: Beck vince anche il premio 'Album of the year'

Ancora un duetto dal vivo, questa volta tra Hozier e Annie Lennonx, sulla hit dell'irlandese "Take me to the church": la ex Eurythmics interviene a metà brano, di fatto prima supportando il collega ma poi "accompagnandolo" in una rilettura del classico di Screamin' Jay Hawkins "I put a spell on you", già frequentato dall'artista di Aberdeen nel suo recente album "Nostalgia". E gli applausi (meritati) sono tutti per lei.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/EisNh3XD3d_5X5vkx8e2yQLjYos=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fimages.scribblelive.com%2F2015%2F2%2F9%2F93637920-1d4c-439e-9990-c168ac3dc0f4.jpg

Nick Jonas e Meghan Trainor introducono il premio per il "Best country album", che viene assegnato - piuttosto sbrigativamente - a Miranda Lambert per "Platinum". Interviene poi The Weeknd, che introduce al pubblico uno dei performer più premiati (e attesi) della serata, Pharrell Williams: con sullo sfondo una coreagrafia piuttosto complessa, il già leader dei NERD sorprende con un'introduzione insolitamente cupa di "Happy", che subito vira nella chiave più allegra e conosciuta, ma immediatamente interrotta - anche se per pochi attimi - da Lang Lang. Da segnalare, alla chitarra, un cameo di Hans Zimmer.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/7ij6t3XpqabYqwfZNveoG7bzFfQ=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fimages.scribblelive.com%2F2015%2F2%2F9%2Fa2739d2b-63c0-4990-a13a-f75334ad9849.jpg
https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/PLFcGIYCkFyVLRsM60xO6OiLkVs=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fimages.scribblelive.com%2F2015%2F2%2F9%2F60fc78c4-3d8a-471d-b3f6-6b7381219d2e.jpg

Si arriva al momento di Katy Perry, introdotto dal discorso della vittima di violenza domestica Brooke Axtell (a sua volta preceduto da un messaggio registrato dal presidente degli USA Barack Obama, sempre sul tema degli abusi tra le mura di casa ai danni delle donne): la cantante californiana - su una scenografia "all white" estremamente sobria, caratterizzata da un raffinato gioco di ombre - si produce in una toccante interpretazione della sua "By the grace of God". I fasti e gli sfarzi del SuperBowl sembrano lontani anni luce.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/P_505K2kEf2txMIdisUVrqerowo=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fimages.scribblelive.com%2F2015%2F2%2F9%2F91827933-7440-4000-ab07-29f7a4c3037c.jpg

Dopo Katy Perry sul palco sale un'altra diva del pop a stelle e strisce, Lady Gaga, accompagnata - come ampiamente previsto - da Tony Bennett: si comincia (e si finisce) col superclassico "Cheek to cheek", title track dell'album congiunto di standard jazz. Si prosegue su toni soffusi con Usher, che offre alla platea una versione molto rispettosa dell'originale di "If it's magic" di Stevie Wonder.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/GIR1QO1zsf8UCfak-LsyJzHvq7I=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fimages.scribblelive.com%2F2015%2F2%2F9%2Fb6783da1-0fd1-45d3-8c96-f958877f8df1.jpg

Dopo il set di Eric Church (che esegue "Give me back my hometown") e Brandy Clark e Dwight Yoakam (impegnati in "Hold my hand"), è il turno di uno dei live set più attesi della serata, quello che vede impegnati Rihanna, Kanye e Paul McCartney su "FourFiveSeconds", eseguita per la prima volta in pubblico: al microfono attacca Rihanna, poi incalzata da West e da un McCartney vocalmente piuttosto defilato, forse troppo. La performance è sobria ma tutto sommato efficace. E in platea ad applaudire ci sono anche Madonna e Dave Grohl.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/t2mglBjfi3xH33qpPRYPA0PYsX4=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fimages.scribblelive.com%2F2015%2F2%2F9%2F3ef885e1-7482-41fa-b763-f9ed1a6ee8c8.jpg

Guadagna la scena, finalmente, Sam Smith, per l'esecuzione - ovviamente - di "Stay with me": a duettare con il britannico viene chiamata Mary J. Blige. Accompagna un coro gospel - come nella versione in studio - che rende ancora più solenne l'interpretazione.

https://a6p8a2b3.stackpathcdn.com/xC3E9ws6Q8ASUQIg257QlpP6Azg=/700x0/smart/http%3A%2F%2Fimages.scribblelive.com%2F2015%2F2%2F9%2Ff734756f-8305-45f1-86b9-5cf6cfc0bfdf.jpg
Si alzano i bpm e ci si sposta sul pop rock latino con Juanes, che con la sua performance di stasera - sulle note di "Juntos" ("Together" nella versione inglese) segna una tappa fondamentale nella storia dei Grammy Awards, ovvero quella della prima esecuzione in lingua spagnola sul palco dei premi. Più che il suo set il pubblico applaude l'ingresso di Prince, chiamato a premiare una delle categorie più importante, quella di "Album of the year": a spuntarla è - ancora una volta - Beck, che con "Morning phase" sconfigge allo Staples Center Pharrell, Sam Smith e Ed Sheeran. Per il californiano che si segnalò il secolo scorso con "Loser" è il secondo premio di peso per questi Grammy Awards 2015.

Continua a leggere qui la cronaca della serata.

Dall'archivio di Rockol - Dieci cose che (forse) non sai su Beck
Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti Testi
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale
25 giu
Scopri tutte le date

© 2020 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.