Primi dettagli sul nuovo servizio streaming di Apple

Primi dettagli sul nuovo servizio streaming di Apple

Dopo alcuni mesi di relativo silenzio a riguardo degli sviluppi che investono Apple e Beats - ovvero il nuovo servizio di streaming che il gigante di Cupertino sarebbe in procinto di varare - trapelano le prime indiscrezioni tangibili.
Stando a quanto riporta 9to5Mac, il servizio (come peraltro si pensava già a fine del 2014) sarà basato su una perfetta integrazione con iOS, iTunes e Apple TV.

Inoltre - e si tratta di una prima volta assoluta - Apple offrirà anche una versione per Android del servizio di streaming: si tratta di una mossa che ricorda la decisione di rendere disponibile itunes anche agli utenti Windows che l'azienda fece all'inizio degli anni Duemila - per vendere più unità di iPod, ovviamente.

Particolare attenzione sarà data all'integrazione delle librerie musicali pre-esistenti degli utenti nell'esperienza di utilizzo del servizio, ridefinendo il concetto di musica in cloud: un campo in cui i grandi competitor (Spotify e Deezer) hanno incontrato grandi difficoltà e che potrebbe costituire, dunque, il vero selling point e l'innovazione vincente.
Apple promette anche di inserire elementi social nel servizio, permettendo agli utenti di interagire con altri e con gli artisti.

Il nome della piattaforma è ancora un grande mistero e non è chiaro se Apple deciderà di sfruttare il brand Beats, già piuttosto posizionato e percepito come "hip", oppure vorrà utilizzare qualche dicitura che ricordi la propria identità specifica.
A quanto pare si pensa ad abbonamenti al costo di 7,99 dollari al mese (due dollari meno di Spotify), con costi annuali molto inferiori ai 100 dollari.

Il procedimento di integrazione di Beats nell'universo Apple, però, non è esente da difficoltà: una fonte interna ha definito la situazione come "un disastro", tanto che il lancio è stato procrastinato a giugno - originariamente era previsto per marzo.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.