Kim Gordon: 'Courtney Love? Malata di mente. Billy Corgan? Un frignone'

Kim Gordon: 'Courtney Love? Malata di mente. Billy Corgan? Un frignone'

Ne solleverà di polvere "Girl in a band", libro di memorie della matrona dell'indie mondiale un tempo, con (l'ormai ex) marito Thurston Moore, a capo della formazione che ridefinì i canoni del noise rock contemporaneo: Kim Gordon nella sua biografia - attesa a breve sul mercato anglofono grazie all'interessamento della prestigiosa casa editrice Harper Collins e (molto) parzialmente anticipata dall'edizione americana di Vogue - ha ritratto in modo non troppo lusinghiero due delle figure di spicco del panorama rock a stelle e strisce, la vedova di Kurt Cobain Courtney Love e il leader degli Smashing Pumpkins Billy Corgan.

La Gordon, nel 1990, fu chiamata dalla Love come potenziale produttrice dell'album delle Hole "Pretty on the inside": la bassista dei Sonic Youth riuscì poi a guadagnarsi il credito sull'album insieme a Don Fleming, ma - evidentemente - tra le due non scattò una profondissima intesa.

Anzi.

"Non mi sono mai chiesta cosa ci fosse dietro quel suo atteggiamento da tarantolata losangelina di tendenza - la sociopatia e il narcisismo, per dire - perché alla fine fa buon rock and roll, ed è una donna di spettacolo capace", ricorda la Gordon dei loro primi incontri: "Quello che riuscivo a tollerare pochissimo era il suo comportamento manipolatore e egocentrico, e periodicamente ero costretta a ricordare a me stessa come quella persona potesse essere malata di mente".

E non è tutto: "Courtney ci chiese un consiglio sulla sua relazione segreta con Billy Corgan. Alla sola menzione di Corgan, che era un tale frignone, e degli Smashing Pumpkins, che non piacevano a nessuno perché si prendevano troppo sul serio e non erano affatto punk rock, pensai: 'Oddio...'".

Non sono mancate, poi, riflessioni sulla fine della sua quasi trentennale relazione con Moore: "Thurston non era un tipo così alla mano come in tanti sono portati a credere: ogni volta che chiudeva un numero della sua fanzine, Killer, si agitava incredibilmente finendo per stressarsi moltissimo. Una volta la sua pinzatrice si ruppe e lui si infuriò a tal punto da scagliarla fuori dalla finestra rompendo un vetro. Mi spaventò". E, sulla donna che segnò la fine della loro relazione: "Nessuno riuscirà mai a capire come Thurston, che ha sempre avuto un ottimo intuito riguardo a tossici, groupie, testa e ragazze, sia riuscito a farsi sottomettere da lei. Per certi versi provo anche un po' di compassione, nei suoi confronti... Che, comunque, rimane una cosa molto lontana dal concetto di perdono".

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.