J-AX, videointervista: “Sono lo stesso immaturo di sempre, solo più saggio”

J-AX, videointervista: “Sono lo stesso immaturo di sempre, solo più saggio”

“Il disco più maturo? Che due palle! Tutti i cantanti dicono ogni volta che pubblicano un disco che è il loro lavoro più maturo… Questo è il mio disco più bello. Spero sia ben chiaro che sono sempre il solito immaturo di sempre”. J-Ax ci tiene a mettere le cose in chiaro: “Il bello d’esser brutti”, il suo nuovo album in uscita il 27 gennaio, non rispetta i soliti schemi della musica. Ad Alessandro Aleotti non piacciono gli stereotipi o le espressioni facili - se ne usi una te la rivolta contro immediatamente, spiegandoti che lui è da un’altra parte, lo è sempre stato. “Spero che sia chiaro che semmai c’è una saggezza acquisita, volente o nolente: come una tartaruga, quando vivi tanto”.

Ad Ax piace fare il troll della musica italiana, quello che provoca e si diverte a vedere le reazioni scandalizzate. E non solo nella musica: ci accoglie in uno studio di registrazione milanese raccontando il suo recente scambio di battute via social con un politico: “L’ho trollato, c’è cascato, gli ho fatto l’overkill”, dice ridendo. Poi si passa ad ascoltare le 20 canzoni, dalla riflessiva “Intro” (“il mio momento emo”, dice quasi per giustificarsi), alla conclusiva “L’uomo con il cappello”.  L’ha annunciato come il suo disco più vario, ed è vero: “Io di solito spazio tra tre generi: il rap, il rock e il pop. Detto questo, posso abbracciare tutta la musica che voglio, in mezzo a questi tre generi. Il minimo comune denominatore alla fine sono io, la mia voce. E’ come Santana, che suona la sua chitarra in generi diversi, ma è sempre riconoscibile”, ci spiega nella nostra videointervista. Cappello che nasconde un tatuaggio (mostrato sulla copertina dell’album), gilè e cravatta: “Col nasone ed i ciglioni sono più bello di Brad Pitt”, canta nell’album; una volta ci si lamentava del proprio aspetto, spiega, mentre lui è arrivato dov’è grazie all’esser brutto.



Contenuto non disponibile


“Quest’album è dedicato ai miei ascoltatori, spero di aver fatto una cosa che li faccia strippare.

Io vivo dalla parte del consumatore: io non sto nella pelle quando esce un disco dei Foo Fighters e l’idea che ci sia qualcuno che prova la stessa cosa per la mia musica mi spinge a cercare di dargli un kolossal”. J-Ax rivendica con orgoglio di essere quello che “Piace a tanti, ma lo dicono in pochi”, come canta nell“Intro” del disco. Quello che non le manda a dire, ma che ci crede fino in fondo: “Io ho sempre vissuto le cose come la vita o la morte come una missione, mentre ho realizzato che per altri era solo un lavoro”, dice del suo passato recente, quello che lo ha visto arrivare alla creazione di una struttura atuonoma, la NewTopia, con Fedez.  Quello che non ha paura di dire che “Hai rotto il catso” (“”Questa va per tutti quelli che dicono fai schifo/che giudicano il disco ma senza averlo mai sentito”) e che difende gli outsider in “Bimbominkia4life”: “Solo cantanti senza successo hanno commenti positivi sotto i loro video. Per fortuna ci sono gli haters… Mi viene imputato un passato da integralista che in realtà non c’è mai stato: io tendo sempre a empatizzare con categorie come i bimbiminkia  - una volta c’erano i Take That ora si fa a botte per andare ai concerti di Robbie Williams, ricordatevelo. Ora ci sono gli One Direction, poi magari svoltano e diventano una band per sempre…" .

Nel libretto J-Ax si diverte a impersonare ogni genere di freak, e nel disco ha coinvolto ogni genere di amico: Max Pezzali (“con lui ho fatto una canzone di country pavese”), l’amico Neffa che co-firma 5 brani e canta “Caramelle”, Valerio Jovine dei 99 Possse (“Un altro viaggio”), Club Dogo (“Old skull”), Il Cile (“Maria Salvador”), il compagno Fedez (“Bimbominkia4life”), Weedo (“The pub song”, una sorta di omaggio a Jannacci) e Nina Zilli, che canta nel primo singolo “Uno di quei giorni” (“Ha un suono classco - non vintage, che è una parola hipster che mi ha rotto le balle”).

E anche Emiliano Valverde, suo concorrente a The Voice e voce in “Tutto o niente”. Della nuova edizione del programma non può ancora parlare, ma rivendica la sua partecipazione: “Mi è venuta inaspettatamente in aiuto la RAI: sono riuscito a comunicare in sei mesi quelli che ci ho messo anni a spiegare con le canzoni - sennò magari mi riscoprivano quando ero morto. Suor Cristina? Ha fatto un disco in cui ha scelto tutto lei, quindi mi esimo dal criticare - ho sempre un posto soffice nel mio cuore per lei. Per il resto, io ho fatto un programma TV. Che poi questo si traduca in un nuovo pubblico musicale è tutto da dimostrare. Sicuramente ho pensato che avrei avuto più attenzione dall'establishment ma per il resto funzionerà come prima: farò dei singoli, se piacciono mi compreranno i dischi… spero di sbagliarmi”.

Intanto, come prossima mossa ci sono sei concerti - 6 - all’Alcatraz di Milano: “Il Forum lo fanno tutti. Poi l’Alcatraz è più vicino a casa… Scherzi a parte, è un posto della madonna, permette grandi suoni e di fare un grande show”.

Segui Rockol su Instagram per non perderti le notizie più importanti!
Scheda artista Tour&Concerti
La fotografia dell'articolo è pubblicata non integralmente. Link all'immagine originale

© 2021 Riproduzione riservata. Rockol.com S.r.l.
Policy uso immagini

Rockol

  • Utilizza solo immagini e fotografie rese disponibili a fini promozionali (“for press use”) da case discografiche, agenti di artisti e uffici stampa.
  • Usa le immagini per finalità di critica ed esercizio del diritto di cronaca, in modalità degradata conforme alle prescrizioni della legge sul diritto d'autore, utilizzate ad esclusivo corredo dei propri contenuti informativi.
  • Accetta solo fotografie non esclusive, destinate a utilizzo su testate e, in generale, quelle libere da diritti.
  • Pubblica immagini fotografiche dal vivo concesse in utilizzo da fotografi dei quali viene riportato il copyright.
  • È disponibile a corrispondere all'avente diritto un equo compenso in caso di pubblicazione di fotografie il cui autore sia, all'atto della pubblicazione, ignoto.

Segnalazioni

Vogliate segnalarci immediatamente la eventuali presenza di immagini non rientranti nelle fattispecie di cui sopra, per una nostra rapida valutazione e, ove confermato l’improprio utilizzo, per una immediata rimozione.